Abarth 124 spider, primi chilometri da brividi [VIDEO]

Le parole Abarth e 124 messe vicine fanno rabbrividire al solo pensiero e agli appassionati con qualche primavera sulle spalle fa venire in menti gli Anni '70, quelli in cui la Fiat 124 Sport Abarth Rally non pensava certo al vento fra i capelli, ma piuttosto a diventare una leggenda dei rally. Anche oggi il vento fra i capelli è il mio ultimo pensiero, visto che in questa giornata di pioggia provo in anteprima l'Abarth 124 Spider, erede spirituale di quella divoratrice di vittorie e versione più estrema della nuova Fiat 124 Spider. Ok, l'avevo già vista al Salone di Ginevra dove mi aveva sorpreso per il suo fascino, ma anche alla seconda occhiata la scoperta dello Scorpione mi seduce subito.

 

Com'è

 

Basta vederla avvolta nelle sue speciali colorazioni dai nomi evocativi come Bianco Turini 1975, Rosso Costa Brava 1972, Blu Isola d'Elba 1974, Grigio Portogallo 1974 e Nero San Marino 1972 per capire che sull'Abarth 124 Spider ci sono anni di storia, di esperienza e di vittorie importanti, un pedigree sportivo sottolineato dal bel cofano in nero opaco e dai dettagli rossi di specchietti e splitter anteriore. A questo trionfo di look racing si aggiunge il colore Grigio Forgiato su cornice parabrezza, rollbar e cerchi in lega da 17", oltre ad un abitacolo "sfacciato", senza mezze misure e ricoperto da Alcantara e tanti logo Abarth.

 

Come va

 

L'Abarth 124 Spider non è però solo apparenza, per quanto grintosa e appagante, ma è anche la sostanza di uno scarico Record Monza di ser...