Audi A4 Avant g-tron, quando il metano diventa premium

È difficile pensare a un'Audi che non sia diesel e magari con la trazione quattro. Lo dicono i numeri, che poi sono il riflesso delle scelte degli automobilisti. Scelte spesso quasi forzate in quanto prive di alternative credibili, come invece può essere il metano. Si, perché a Ingolstadt sono tra i pochi a credere nel gas naturale e addirittura gli unici se si parla di premium. Per cui dopo la A3 g-tron è arrivata anche la A4 g-tron che qui vi raccontiamo in versione Avant.


Com'è


Esternamente è praticamente impossibile riconoscere la g-tron dalle altre A4 Avant, l'unico elemento "segnalatore" è il logo sui passaruota, ma questa non è certo una novità in casa Audi. Anche a motore acceso gli elementi scarseggiano, giacché il suono è lo stesso delle altre TSI quattro cilindri. Le differenze sono nei dettagli: lo sportellino del carburante con il doppio bocchettone, la strumentazione con le informazioni aggiuntive relative al gas e una certa quantità di spazio che manca nel vano bagagli (90 litri), ovviamente dovuta alla presenza delle bombole. Infatti, per quanto i tecnici tedeschi siano riusciti a integrarle nel pianale nascondendole sotto i sedili, si tratta sempre di quattro “cilindroni” da 19 kg di capacità da inserire nell'abitacolo. La missione è riuscita ma bisogna rinunciare a un paio di valigie rispetto alle altre Avant, così come alla trazione integrale, ...