Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye, bestia demoniaca da quasi 800 CV

D'accordo, sul mercato italiano non arriverà (almeno non in veste ufficiale) ma vale comunque la pena raccontarvi come si comporta la Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye, che può contare su 797 (avete letto bene) cavalli. L'ha provata per noi il nostro collega Bradley Iger, che ci spiega come va la muscle car più muscle di sempre.

Com'è

Ad uno spettatore distratto, la Redeye potrebbe sembrare una Hellcat qualunque: esteticamente, infatti, non c'è molto che la distingua dal resto delle Challenger sovralimentate. Basta però leggere la scheda tecnica per ricredersi: le modifiche più importanti sono tutte sotto pelle. Il V8 da 6,2 litri esprime, grazie al compressore volumetrico, la bellezza di 797 CV e ben 958 Nm. Un po' meno rispetto agli 808 della Demon, è vero, ma la leggera perdita di potenza è dovuta ad una diversa calibrazione motore, necessaria per andare d'accordo con il nuovo cofano, più aerodinamico, che ha modificato l'aspirazione. Il tutto per 325 km/h di punta e uno 0-100 da soli 3,4 secondi. La trazione è naturalmente posteriore mentre il cambio è solo automatico, il TorqueFlite 8HP90 a 8 rapporti.

2019 Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye

Leggi anche:

Come va

Prima di entrare in circuito, un breve giro su strada, per capire come si comporta una muscle car da 800 CV nel traffico. Naturalmente, sulla pubblica via la Dodge richiede un gran autocontrollo, perché il suono del V8 è una vera e pro...