Così si realizza il sogno di molti ragazzi

Patente B per l’auto: il sogno di molti ragazzi, specie di chi è appena diventato maggiorenne. Da la possibilità di guidare, fra l’altro, auto di massa massima autorizzata non superiore a 3.500 Kg, destinati al trasporto di non più di 8 persone oltre al conducente. E, solo in Italia, consente di guidare motocicli con cilindrata massima di 125 cc, potenza non superiore a 11 kW e rapporto potenza peso non superiore a 0,1 kW/kg e tricicli di potenza superiore a 15 kW (se si hanno almeno 21 anni). Ecco la procedura per ottenere la patente B per l’auto, in scuola guida: non c’è una tariffa fissa, si va da 500 a 1.000 euro circa.

Quali punti conoscere

#1. I due esami. Parliamo di chi si avvale di un’autoscuola, iscrivendosi. Per fare gli esami i candidati hanno 6 mesi, dalla data di presentazione della domanda, per il superamento dell’esame di teoria con due prove a disposizione. E 5 mesi, dal mese successivo alla data di superamento della prova teorica, per il superamento della prova pratica di guida, con due prove a disposizione. Il rilascio del Foglio rosa avviene solo dopo aver superato la prova teorica. Chi ha la patente A1 o A2 o A o B1 può conseguire la patente B svolgendo solo la prova pratica di guida. Dopo l’iscrizione, il giovane (ma anche una qualsiasi persona che voglia prendere la patente a qualsiasi età) può affrontare al massimo 4 prove: 2 di teoria e 2 di pratica nei sei mesi dal rilascio del Foglio rosa.

#2. I quiz patente. Occorre studiare in autoscuola seguendo un corso di 20 ore: il ragazzo può ripassare su app e talvolta pagine web specifiche messe a disposizione dalla scuola guida. L’esame teorico è composto di 40 quiz a risposta secca: devi dire se è vero oppure se è falso. Si hanno al massimo 30 minuti a disposizione. Per essere promossi non è necessario essere perfetti: basta non commettere più di 4 quattro errori. Il candidato, terminata la compilazione del questionario, dovrà confermare le risposte date nella schermata di riepilogo. Premuto il tasto di conferma, la prova viene considerata definitivamente terminata e non potranno essere apportate ulteriori modifiche alla scheda.

#3. Foglio rosa e prova pratica. Una volta promosso, il ragazzo ha il Foglio rosa. Accanto al giovane, deve sedere un istruttore, sul lato passeggero ovviamente, un esperto di massimo 65 anni, con la stessa patente dell’allievo (il Foglio Rosa è finalizzato alla patente B per le auto) da almeno 10 anni. Se ha una patente superiore alla B, non serve una “anzianità”. Per legge, vanno fatte almeno 6 ore di pratica con l’istruttore della scuola guida. La prova pratica per il conseguimento delle patenti di categoria B, anche speciale, si svolge su un veicolo a quattro ruote di categoria B, capace di sviluppare una velocità di almeno 100 km/h. Il predetto veicolo deve essere dotato di doppi comandi almeno per la frizione ed il freno e, al fianco del candidato, deve essere presente una persona munita di abilitazione di istruttore di guida in corso di validità. La prova pratica di guida si svolge presso le sedi degli Uffici Motorizzazione civile ovvero, nel solo caso di candidati di autoscuole, presso le sedi di autoscuole o centri di istruzione automobilistica, previamente ritenute idonee per gli esami fuori sede.

Leggi anche:

Prova pratica: dove

La durata della prova e la distanza percorsa devono essere sufficienti per consentire la valutazione della capacità e dei comportamenti di cui è richiesta la verifica. La durata della prova su strada non deve in ogni caso essere inferiore a 25 minuti: tale periodo non comprende il tempo necessario per accogliere il candidato, per predisporre il veicolo, per il controllo tecnico dello stesso ai fini della sicurezza stradale. Una fase della prova pratica va condotta, se possibile, su strade al di fuori del centro abitato, su superstrade ed autostrade (o simili), nonché sui diversi tipi di strada urbana (zone residenziali, zone con limiti di velocità fissati a 30 e 50 km/h, strade urbane a grande scorrimento), rappresentativi delle diverse difficoltà che il futuro conducente dovrà affrontare.