L’azienda inglese specializzata in motori aeronautici presenta il suo primo eVTOL al Farnborough International Airshow

Dopo Aston Martin e la sua stravagante Volante Vision Concept anche Rolls-Royce (ma non la Casa auto, bensì l’azienda specializzata in motori aeronautici) pare intenzionata a creare un piccolo velivolo a decollo verticale, una sorta di “auto” per solcare i cieli, mossa esclusivamente da un motore elettrico. In gergo tecnico si chiama eVtol (Electric Vertical Takeoff and Landing) che, tradotto in lingua di tutti i giorni, significa “sognare non costa nulla”.

6 eliche e 5 passeggeri

Presentato al Farnborough International Airshow lo strano velivolo firmato Rolls-Royce non ha un nome ufficiale, ma ha uno stile ben definito, che lo rende in tutto e per tutto simile a un ultraleggero, 6 rotori, 2 ali e un abitacolo grande abbastanza per ospitare 5 persone per un massimo di circa 800 km a circa 400 km/h di velocità. Poi bisogna atterrare (naturalmente in verticale) e fare il pieno alle batterie e al serbatoio. Il comunicato stampa infatti parla di propulsore ibrido, sottintendendo quindi la presenza anche di un motore a benzina, magari utilizzato anche solo come range extender. C’è poi la potenza totale: 500 kW, 680 CV.

Ti potrebbe interessare:

Volare è sognare

Il prototipo di Rolls-Royce come detto segue di pochi giorni la presentazione di quello firmato Aston Martin (la cui realizzazione ha visto proprio RR tra i protagonisti) e altri progetti firmati Uber e Airbus (in collaborazione con Audi). C’è poi da aggiungere Terrafugia, da fine 2017 di proprietà di Geely. Il cielo rimane quindi il vorrei (ma non posso) di tanti costruttori, affascinati dall’assenza di confini e di strade, per aprire servizi di taxi volanti a guida autonoma. Rolls-Royce dice che una versione definitiva del suo eVTOL potrebbe decollare nei primi anni del 2020. Noi aspettiamo fiduciosi.

Rolls-Royce, l'aereo elettrico a decollo verticale