Va avanti l'iter burocratico, intanto facciamo chiarezza su quello che accadrà

La notizia è questa: la Camera ha dato il via libera alla legge che obbligherà i genitori italiani a montare nelle proprie auto i seggiolini anti abbandono, come promesso poco tempo fa dal Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. La prima risposta degli italiani è stata una: tempestare Google di domande su quanto costano, cosa si rischia se non si utilizzano e come funzionano i seggiolini anti abbandono. Domande alle quali diamo risposta qui sotto.

Cosa dice la legge

La legge, passata in Commissione Trasporti della Camera e ora in attesa dell’esame al Senato, prevede che chiunque viaggi in auto con un bambino di massimo 4 anni debba sistemarlo su un seggiolino anti abbandono. In caso contrario l’automobilista viene multato di 81 euro e si vede decurtare 5 punti dalla patente. In caso di recidiva (nei successivi 2 anni) scatta la sospensione della patente da un minimo di 15 giorni a un massimo di 2 mesi. Bisogna però sottolineare il testo sia ancora in discussione e nei piani del Governo dovrebbe essere approvato in tempo per diventare legge il 1° gennaio 2019, con termine massimo fissato per il 1° luglio del prossimo anno. 

Leggi anche:

Come funzionano i seggiolini anti abbandono

Ci sono 2 possibilità: o sensori esterni da applicare ai seggiolini già in possesso, oppure seggiolini nuovi che integrano al loro interno il sistema. Esistono poi principi di funzionamento differenti: chi, come Chicco, sfrutta un sensore che a sua volta comunica tramite un trasmettitore bluetooth allo smartphone del genitore. Se questo si allontana dall’auto col bimbo ancora a bordo, il sistema inizia a mandare alert al telefono ricordando la presenza del piccolo. Altri sistemi agiscono anche sull’auto, abbassandone i finestrini, mentre altri sono dotati di allarmi visivi e audio integrati. Una serie di tecnologie che devono ancora essere messe al vaglio del Legislatore. Meglio quindi aspettare ad acquistare un sistema che, una volta entrata in vigore la legge, potrebbe non essere valido. Anche perché il loro costo non è così basso. C'è poi Waze, il navigatore satellitare gratuito per smartphone, che comprende l'opzione "Promemoria bimbo in auto"che ricorda di prendere il piccolo una volta giunti a destinazione, ma quest'ultimo sistema non rientra nel novero di quelli che potrebbero essere contemplati dalla legge. 

Quanto costano

I dispositivi anti abbandono hanno un costo minimo di poco inferiore ai 100 euro, mentre seggiolini che li integrano costano dai 149 euro in su. Dal Governo giungono rassicurazioni circa la delibera su incentivi all’acquisto, anche perché per famiglie con più figli la spesa totale rischia di essere davvero importante. Già, ma a quanto ammonteranno gli incentivi? Saranno rivolti a tutti? Avranno una durata limitata nel tempo o saranno perenni? Domande che per ora rimangono senza risposta, ma il Governo ha tempo per dare tutte le indicazioni del caso; come scritto poco più su infatti il testo diventerà legge non prima del 1° gennaio 2019.