Il super SUV giapponese si trasforma per accogliere due passeggeri in più e arriva in Europa in rigorosa configurazione ibrida

Un marchio premium non può essere fino in fondo se non è globale. Per questo nella strategia Lexus ci si sta orientando a portare in europa sempre più modelli che magari hanno avuto fortuna fuori dal Vecchio Continente e ora grazie alla tecnologia ibrida possono dire la loro anche qui da noi, dove, si sa, il mercato è sufficientemente complesso ed esigente. Accade quindi che una best seller negli USA come la Lexus RX allungata per la sua versione L arrivi anche nei concessionari europei a patto però che sia in rigorosa versione Ibrida trasformandosi da Lexus RX L 450h nella più semplice Lexus RX L Hybrid.

Com’è

So potrebbe dire un SUV che più SUV non si può la RX L Hybrid infatti incarna per volumi e dimensioni le classiche dimensioni dello sport utility vehicle, aggiungendovi il carattere premium. Insomma, le sue concorrenti sono la Volvo XC90 e l'Audi Q7. La terza fila di sedili che è quella che giustifica la L non è stata semplicemente aggiunta, ma la carrozzeria del posteriore è stata leggermente modificata per aumentare il comfort degli occupanti dei due sedili più indietro. Il movimento di sollevamento  e abbattimento dei sedili è elettrico e crea uno spazio di carico piatto lungo un metro. La capacità di carico, con tutti i sedili della terza e seconda fila abbattuti, arriva fino a 1.600 litri, come in un piccolo van. Il posto guida riflette la filosofia Lexus di funzionalità ed eleganza. A questo scopo si è cercato soprattutto di dividere i gruppi di elementi in base alla loro funzione.

Come va

Premettiamo che la Lexus RX L Hybrid è senza dubbio un’auto che fa del comfort di marcia il suo cavallo di battaglia, per cui non vi aspettate prestazioni sportive. Tuttavia il 3.5 V6 a benzina da 262 CV è aiutato, per così dire, da un motore elettrico che sviluppa ulteriori 167 CV per un totale di 313 CV di potenza, necessari per viaggiare in tutta sicurezza muovendo oltre due tonnellate di peso. Non è un fulmine fra i tornanti, ma non dimentichiamoci che siamo di fronte anche a un‘auto a trazione integrale, in questo caso garantita da un ulteriore motore elettrico, che “muove" le ruote posteriori, da 70 CV e che subentra in caso di necessità. In pratica, si unisce l’intuitività di una trazione anteriore con la sicurezza di avere altre due ruote che ti aiutano se serve. La massa è ovviamente sfruttata dal sistema ibrido self-charging che permette di tenere sempre in cariche le batterie che alimentano i due motori elettrici. Sistema ibrido che consente, a sua volta, di contenere i consumi in un dichiarato di 6 litri per 100 km che nell'utilizzo reale salgono un po’.

Curiosità

Contrariamente a quanto accade negli altri SUV, per creare uno spazio "vitale" per gli occupanti della terza fila la carrozzeria è stata modificata senza toccare passi o pianale, ma intervenendo solo sulla scocca, inoltre, è stata leggermente rialzata la seconda fila per creare posto per i piedi di chi sta seduto più indietro.

Quanto costa 

A listino sono presenti due versioni la Executive e la Luxury, la prima costa poco più di 74mila euro per l'altra ci vogliono circa 81mila euro. 

Leggi anche:

Scheda tecnica

Lexus RX L Hybrid

Motore V6 3.456 cc
Potenza 313 CV (262 +167 motore elettrico)
Coppia Massima 335 Nm ( 335 motore elettrico)
Velocità Massima 180 km/h
Batteria 2 kW
Lunghezza 5.000 mm
Altezza 1.700 mm
Larghezza 1.895 mm
Consumi 6,0 l/100 km
Emissioni 138 g/km
Peso 2.205-2.275 kg
Posti a sedere 7
Prezzo della versione provata circa 81.000 euro

Lexus RX L Hybrid, la prova su strada