Dopo la prova, ecco l'approfondimento. Come funzionano e come vanno le nuove sospensioni della compatta francese

La storia di Citroen è legata a doppio filo con le sospensioni, un elemento sul quale la Casa francese punta forte da svariate decine di anni. Basta pensare alla metà degli anni ’50 e alla DS col suo sistema idropneumatico. Una finezza rivoluzionaria che ha dato il “là” ad altre piccole e grandi rivoluzioni, fino ad arrivare ai giorni nostri e alla Citroen C4 Cactus restyling. Si perché la compatta francese non si è rifatta unicamente il trucco, ma anche il fisico con gli smorzatori idraulici progressivi. Un nome forse complesso che nasconde un concetto semplice: l’aggiunta di due smorzatori idraulici alle due estremità degli ammortizzatori, uno per l’estensione e l’altro per la compressione.

L’unione fa il comfort

Riuscire a spiegare in maniera semplice il loro funzionamento richiede un esercizio: provate a schiacciare con forza una molla su una superficie dura. Poi rifate lo stesso esercizio sistemando però la molla tra 2 cuscini. Ecco spiegato il lavoro delle nuove sospensioni della Citroen C4 Cactus restyling. Significa che l’ammortizzatore classico si divide il “lavoro sporco” con altri 2 fedeli alleati. Lavorare meno, lavorare tutti. Così, quando capita di affrontare ostacoli o imperfezioni poco impegnativi a lavorare è unicamente l’ammortizzatore classico, mentre quando il “gioco” si fa duro e la strada impegna più del dovuto, ecco che vengono chiamati in causa anche gli smorzatori.

 

Citroen C4 Cactus Garage Focus
Citroen C4 Cactus Garage Focus

L’effetto tappeto volante

Si ottiene così l’effetto tappeto volante, come lo chiamano in Citroen. Vale a dire che si evitano bruschi arresti a fine corsa così come il pericoloso effetto rimbalzo. I pregi sono notevoli: pneumatici sempre a contatto con la strada e annullamento di tutte le risposte secche degli ammortizzatori. Una tecnologia che proviene dal mondo dei rally e che nei prossimi anni sbarcherà a bordo di gran parte della gamma Citroen (sono presenti anche sulla C5 Aircross). La Casa francese punterà così sempre più sul comfort di marcia, grazie anche a nuovi sedili ancora più comodi. Ma questa è un’altra storia, di cui vi dirà Lorenzo nel suo video.

 

Vai allo Speciale:

Citroen C4 Cactus, il tappeto volante a quattro ruote