La lotta agli incidenti stradali passa anche attraverso il filtro dell’aria. Può sembrare assurdo eppure, dice l’Università di Vienna, un attacco di rinite allergica è mediamente paragonabile alla guida in leggero stato di ebbrezza, con una presenza di alcool nel sangue dello 0,04%. In pratica chi ne soffre è esposto a un rischio di incidenti del 33% superiore. Chi ci legge sa già che starnutire alla guida significa chiudere gli occhi per alcuni istanti (a 95 km/h si possono percorrere anche 20 metri) aumentando il rischio di incidenti (qui vi spieghiamo come combattere le allergie in auto). Le case automobilistiche quindi investono anche in questo e Ford ha dotato la nuova Mondeo di un sistema di filtraggio dell’aria del 50% più efficiente rispetto al precedente.


Blocca il 99% dei pollini ed è efficace anche nell’impedire di entrare nell’abitacolo alla quasi totalità dei gas inquinanti, ai cattivi odori e alle particelle di diossido di azoto, uno degli elementi che possono innescare crisi d’asma. “Il sistema è anche molto più longevo rispetto alla versione precedente, e i filtri hanno una durata doppia rispetto alla generazione passata, con intervalli di manutenzione di 2 anni o 30.000 chilometri”, ha detto Volker Scheer, esperto salute e ambiente, Ford Europa. La nuova Ford Mondeo sarà in vendita a inizio dell’anno prossimo ed il nuovo sistema di filtraggio dell’aria sarà disponibile anche sulla prossima generazione di S-MAX.

Fotogallery: Nuova Ford Mondeo, più tecnologica e ibrida