Cartelle esattoriali per i debiti coi Comuni: si può risparmiare tempo e fatica

Burocrazia fa spesso rima con stress: per il tempo perso, le code, le domande in carta bollata con risposte tardive. Questo può valere anche per le cartelle esattoriali inviate dall’Agenzia entrate (ex Equitalia) agli automobilisti, che non hanno pagato vecchie multe ai Comuni. Questi si sono rivolti al riscossore per incassare il denaro (il doppio dell’ammenda più maggiorazioni) e la macchina burocratica si è messa in moto. Alla fine, se il cittadino non paga le vecchie multe, si può arrivare anche alle ganasce fiscali, ossia il fermo amministrativo dell’auto. Ma che fare se il debitore ha qualche dubbio sulle multe? Magari ritiene di aver già saldato il dovuto, o che l’ammontare richiesto sia eccessivo rispetto al reale; o più semplicemente desidera capire se può pagare a rate. La risposta la trovate in basso.

Procedura snella in 3 mosse

1. Prenota ticket. Così si chiama il servizio pensato per chi desidera recarsi a uno degli sportelli dell’Agenzia entrate. Se vuole fissare un appuntamento, scegliendo giorno e ora semplicemente utilizzando il proprio computer, smartphone o tablet, “Prenota ticket” consente di velocizzare e semplificare tutto. Si prenota un ticket per il giorno stesso o per i 4 giorni lavorativi successivi, individuando la tipologia di servizio, lo sportello e la fascia oraria tra quelle disponibili. I servizi prenotabili sono: Pagamenti, Rateizzazioni e Informazioni/Altri Servizi. Si prenota per ciascuna giornata lavorativa, un ticket per codice fiscale e servizio. La prenotazione deve essere effettuata con il codice fiscale della persona che andrà allo sportello.

2. C’è il form. Basta compilare il form che si trova qui, sul sito dell'Agenzia delle entrate. E per l’orario? Basta cliccare: in blu gli orari prenotabili; in grigio gli orari non più disponibili. Una volta selezionato l’orario diventa di colore arancio. Dopo aver compilato il form, il cittadino riceve una e-mail all’indirizzo che ha inserito con la ricevuta del ticket prenotato (QR Code) da utilizzare presso gli sportelli dell’Agenzia entrate.

3. Allo sportello. Una volta arrivato allo sportello, il cittadino conferma la prenotazione del ticket entro l’orario prescelto, appoggiando il QR Code (presente nel ticket stampato o nell’immagine del tuo smartphone) sul lettore del Totem eliminacode dedicato. La prenotazione deve essere confermata al massimo entro i 5 minuti successivi all’orario prescelto, altrimenti il ticket non sarà più valido. Il servizio è attualmente attivo sui seguenti sportelli:

  • Bari 1-Marin, in Via Marin 3;

  • Cosenza, in Via 24 Maggio 47;

  • Milano 1-Lario, in Via Lario angolo Via Francesco Arese;

  • Napoli 1-Meridionale, in Corso Meridionale 52;

  • Roma 2-Colombo, in Via Cristoforo Colombo 271;

  • Roma 3-Aurelia, in Via Aurelia 477;

  • Torino 1-Alfieri, in Via Alfieri 11;

  • Verona, in Via Giolfino 13.

Leggi anche

Altre due dritte

In caso di delega (se ci si presenta, cioè, per conto di un altro soggetto), il ticket è comunque valido solo per una singola operazione ed è necessario essere munito della delega ad operare per conto di quel soggetto. Inoltre, è prevista anche la possibilità di annullare il ticket prenotato: dopo aver cliccato sul link presente nella e-mail ricevuta, avrai conferma dell’avvenuto annullamento.