Più corta della Phantom Drophead Coupé, da cui deriva, questo esemplare unico ha finiture extralusso e linee senza tempo

E' vero che le cose belle non invecchiano mai? Lo avrete sentito dire spesso, magari da vostra madre quando voleva farvi mettere un giaccone o un paio di scarpe fuori moda, ma a giudicare da alcuni esempi sembra proprio che questo non sia soltanto un modo di dire.

Prendiamo ad esempio la Rolls-Royce Hyperion: è stata presentata nel 2008, ma il suo stile classico ed elegante sembra ancora oggi al passo con i tempi e non dimostra affatto i dieci anni età. Questo prototipo del resto si ispira alle cabriolet degli Anni '50 e '60 e ha un fascino che non accusa il passare del tempo.

La “matita” arriva dall'Italia

Lo stile non per altro è della Pininfarina, che nel corso della sua carriera ha realizzato decine di auto passate alla storia grazie alle loro forme iconiche. La base di partenza in questo caso è la Drophead Coupé, variante senza il tetto della berlina Phantom, rivista dalla carrozzeria torinese in tanti dettagli: i montanti del parabrezza sono più arretrati, la coda si fa più raccolta e la capote ha una forma più arcuata.

Rolls-Royce Hyperion

Gli stilisti hanno rivisitato inoltre i fari anteriori, le fiancate (ci sono due vistose unghiate) e la sagoma laterale, perché la Hyperion ha due posti e non quattro come la Drophead Coupé. La coda inclinata verso il basso è un omaggio alla Rolls Royce Silver Dawn del 1951, anch'essa firmata Pininfarina.

L'orologio nella plancia è anche da polso

Una vettura di questo calibro non può non avere interni di altissima qualità e dettagli fuori dall'ordinario. Fra le “chicche” ci sono ad esempio i rivestimenti nel legno pregiato di yacht e barche a vela, un orologio d'oro nella consolle da mettere anche al polso e due vani portaoggetti nella plancia, chiesti del cliente per mettere i fucili quando va a caccia.

Rolls-Royce Hyperion

Il motore è lo stesso V12 da 6,75 litri della Drophead Coupé. A commissionare l'auto è stato il collezionista Roland Hall, che secondo indiscrezioni l'avrebbe riveduta pochi anni dopo per 4,5 milioni di euro.

Fotogallery: Rolls-Royce Hyperion by Pininfarina