Tutto inizia da qui. Lo sviluppo verso l'alto (in tutti i sensi) della gamma spagnola trova ispirazione da questo concept

Estate 2007, mancano pochi giorni al Salone di Francoforte e Seat genera attorno a sé un interesse raramente (se non mai) riscontrato prima. Tutto è top secret ma le indiscrezioni - che troveranno poi conferma - indicano che la novità della Casa spagnola è un SUV. Un concept, certo, ma l'indicazione che qualcosa di importante sta per avvenire. 

SEAT Tribu 2007

Il primo passo di SEAT verso i SUV

Prima di parlare di Tribu, un piccolo ripasso: i SUV, in quegli anni, non sono il fenomeno di massa che rappresentano ora: laNissan Qashqai, il modello che ha rivoluzionato il mercato, era appena nata. Quanto a Seat, non aveva nemmeno un SUV nella gamma. 

L'auto che più si avvicinava al concetto era l'Altea Freetrack, MPV con assetto rialzato, trazione 4x4 e paraurti rinforzati. Tornando alla Tribu, a disegnarla è la mano di Luc Donckerwolke, direttore del Design di Seat in sostituzione di Walter De Silva.

Un concept di design

Dalla Tribu alla Ateca (primo SUV Seat) passano molti anni: 9 per la precisione. Evidentemente, in Seat sapevano che i tempi non erano ancora maturi per il debutto sul mercato ed è per questo motivo che per la Tribu non rilasciano alcun dettaglio tecnico, se non quello relativo alle dimensioni delle ruote, legato però più all'estetica: 255/50 su cerchi da 20 pollici. Quanto all'abitacolo i sedili sono quattro, singoli.

Fotogallery: Concept dimenticate SEAT Tribu 2007