L’Assemblea Nazionale ha votato a maggioranza: dal 2040 stop alle vendite di auto ad alimentazione tradizionale e a gas. Anche le ibride colpite

Di blocchi dell’auto tradizionale se ne parla da ormai da qualche anno ma, notizia di qualche settimana fa, la Francia ha anticipato tutti e ha deciso la data entro la quale non si potranno più vendere auto a benzina, diesel, GPL, metano e forse ibride: il 2040.

È un primo passo molto importante verso un futuro a zero emissioni: ma che impatto avrà questa decisione sul mercato europeo? Ne parliamo in questo appuntamento di Emissione Impossibile in compagnia del direttore Alessandro Lago e di Fabio Orecchini (Obiettivo Zero Emissioni - www.fabioorecchini.it).

Una decisione unanime

L’Assemblea Nazionale francese ha votato a maggioranza lo stop del 2040 e, curiosità, chi si è opposto avrebbe voluto che la limitazione entrasse in vigore prima, un chiaro esempio di come in Europa il dibattito politico sia incentrato molto sui temi di carattere ambientale.

L’obiettivo del legislatore è quello di imporre dei traguardi a lunga scadenza che consentano agli automobilisti e alle industre di preparasi per tempo, così da tararsi anticipando i probabili problemi che inevitabilmente si presenteranno, dalla creazione di nuovi posti di lavoro all’acquisto dell'auto. Cliccate sul video per approfondire l’argomento.