Esistono dei prodotti spray che sollevano lo sporco. In alternativa, ci sono dei panni già imbevuti. Li abbiamo provati

Finalmente la brutta stagione è alle spalle e quella bella si avvicina, e con lei le vacanze. E allora, così come abbiamo dedicato una guida a prendersi cura dell'auto col freddo, vogliamo fare altrettanto per preparare l'auto all'estate e ai viaggi fuori porta

Prima cosa, facciamola tornare a splendere. Con i raggi solari così diretti lo sporco si vede molto di più, c'è poco da fare, e la pulizia della carrozzeria e dei vetri non è solo una questione di apparenza, che comunque fa la sua parte, ma soprattutto di igiene e anche di sicurezza

Lavarla... senz'acqua

Quando si tratta di fango o spessi strati di sabbia o terra c'è poco da fare, il classico autolavaggio è la soluzione migliore, ma ci sono tanti altri casi - in realtà la maggior parte, con lo sporco di tutti i giorni - in cui non è necessario usare centinaia di litri d'acqua (generalmente un car wash ne usa 160 per ogni auto) ma si può procedere con sistemi altrettanto efficaci ma più eco-friendly.

Il primo che prendiamo in considerazione è quello dei prodotti spray che, tramite l'uso di agenti sgrassanti, sono in grado di sollevare lo strato di sporco. In questo modo, passando poi un panno, si rimuove senza danneggiare la carrozzeria.

Questi prodotti chiaramente non sono tutti uguali e i più completi, come per esempio l'Acquazero di Arexons che abbiamo avuto modo di provare, ha anche una funzione di lucidatura, grazie a delle cere nutritive, e di protezione della carrozzeria.

Arexons

Si comincia con un po' di olio di gomito: una bella "shakerata" al flacone per amalgamare al meglio tutte le varie componenti prima di applicarlo sulla carrozzeria.

Arexons

Bisogna dirigere il getto direttamente sulla superficie da trattare. Abbondare con il prodotto farà sì che l'effetto di "sollevamento" dello strato di polvere sia più efficace e in questo modo la carrozzeria sarà immune dai micrograffi. Meglio applicare in aree limitate della carrozzeria e procedere poco per volta.

Arexons

È da fare con un movimento delicato, senza applicare troppa pressione sul corpo vettura. Importante usare un panno morbido di cotone per rimuovere al meglio il mix di Acquazero e sporco, che avrà l'aspetto di una spuma. Occhio a non andare oltre la parte trattata.

Arexons

Ci siamo, il grosso dello sporco è stato già levato e bisogna solo asciugare. Per farlo, è raccomandato usare un altro panno che sia asciutto. I risultati sono visibili immediatamente.

Arexons

Pulizia a portata di mano

Ok, l'auto è pulita, ma magari la si parcheggia sotto un albero, oppure arriva una pioggia repentina, si attraversa una strada bianca e tanto altro. Potrebbe essere utile avere sempre con sé qualche prodotto per pulire l'auto, magari proprio da tenere a bordo.

Esistono dei panni imbevuti che servono proprio in questi casi e che non vanno sottovalutati, perché - se di qualità - funzionano in modo eccellente. Ve lo mostriamo qui sotto.

Arexons

Aprire la confezione e prendere uno dei panni imbevuto. Nel caso dei Wizzy di Arexons di questa prova, ce ne sono 6 e sono "XL", nel senso che misurano 30x38 cm, e bastano per pulire sei auto.

Arexons

Il consiglio è di cominciare dalle parti più pulite e passare successivamente a dove lo sporco è più insistente. Una volta che il panno si asciuga è ancora utile per andare a rimuovere i residui solidi. L'efficacia non si limita alla carrozzeria ma anche ai vetri, al cruscotto, ai fascioni e la targa.

Arexons

Di Wizzy ce ne sono di diversi tipi e quindi bisogna prestare attenzione quando si acquistano per far sì che si scelga quello più adatto alle proprie esigenze: ci sono quelli per le gomme e le guarnizioni, quello per i tessuti, il cattura polvere, quello per i pellami, quello specifico per i vetri e quello antiappannante.

Per la realizzazione di questo contenuto abbiamo utilizzato l'Acquazero e i panni Wizzy di Arexons

Advertorial

Fotogallery: Pulire l'auto senz'acqua