Entro la fine dell’anno il nuovo prototipo verrà testato su strada e arriverà di serie nel 2024. Ecco come funziona.

Volete mettere la comodità di non dover più gonfiare le gomme della macchina e di non doversi più preoccupare di eventuali forature? Michelin ha presentato un pneumatico che, al proprio interno, non ha l’aria. Il prototipo si chiama Uptis ed è il primo pilastro della strategia Michelin per il prossimo futuro, con il Colosso francese che vuole trasferire tutta la tecnologia di ultima generazione, la connettività e la ricerca su materiali ecosostenibili anche al settore degli pneumatici.

Ma come funziona una gomma senza aria? Ne parliamo in questo appuntamento con Emissione Impossibile in compagnia del direttore Alessandro Lago e di Fabio Orecchini (Obiettivo Zero Emissioniwww.fabioorecchini.it).

Al via la sperimentazione su strada

Il battistrada della gomma si può bucare, ma non essendoci aria l’auto può continuare tranquillamente la sua marcia senza soffrire di un calo delle prestazioni o della sicurezza. All’interno del pneumatico ci sono delle lamelle portanti che lavorano per compressione e non per trazione (cliccate sul video per approfondire l’argomento). Una soluzione interessante che non va a discapito del comfort di marcia, punto da sempre critico e non risolvibile con una gomma piena (come quelle di alcuni monopattini, per intenderci).

Nei prossimi mesi una flotta di Chevrolet Bolt inizierà la sperimentazione, con l’arrivo del modello di serie su strada previsto per il 2024.

'

Fotogallery: Pneumatici Michelin senza aria