Nel 1998 la casa statunitense prova ad interpretare in chiave moderna l'idea della Citroen 2CV

Il più delle volte c’è un’idea vincente dietro un’auto di successo. Meglio ancora se l’idea vincente arriva al momento giusto, come nel caso della Citroen 2CV: debutta nel 1948, dopo la II Guerra Mondiale, e diventa la prima auto per milioni di francesi. Cosa succede però se quell’idea viene riproposta a distanza di 50 anni?

Una risposta arriva dal prototipo Chrysler CCV, mostrato nel 1997 al Salone di Francoforte, quando la casa statunitense immagina un’auto semplice ed economica per le nazioni in via di sviluppo, vale a dire lo stesso concetto che aveva portato alla nascita della 2CV, che non a caso rappresenta la fonte d’ispirazione anche nello stile.

Chrysler CCV Concept

A disegnarla il "papà" della PT Cruiser

La CCV è un’utilitaria dall’aspetto simpatico ed essenziale, alla quale non manca comunque una certa personalità, grazie alle luci rotonde, ai passaruota sporgenti e agli ampi vetri. Il tetto curvo è un chiaro riferimento alla 2CV, dalla quale arriva anche la capote ripiegabile in tela. Lo stile è opera Brian Nesbitt, estroso designer statunitense noto per alcune vetture dal look tondeggiante e fuori dalle righe: fra queste la Chrysler PT Cruiser, ma anche la meno conosciuta Chevrolet HHR (non è arrivata in Europa).

La carrozzeria, in plastica, è composta da quattro pannelli (più le portiere) incollati l’uno con l’altro, una soluzione che permette di ridurre i pesi, la complessità ed i costi di produzione: nel 1998 si diceva che l'intera carrozzeria pesasse 95 chili. I 20 cm di luce a terra inoltre la rendono adatta per i terreni non asfaltati.

Avanti, piano

Il peso estremamente contenuto (si parlava di circa 550 chili) ha consentito l’utilizzo di un motore taglia xs, che oggi sarebbe poco potente anche per un maxi-scooter: la CCV è dotata infatti di un bicilindrico raffreddato ad aria da 0.8 litri e 25 CV, che assicura a questa utilitaria un’accelerazione da 0 a 96 km/h in 23,6 secondi. Il 2 cilindri, con soli 49 Nm di coppia, è stato messo a punto dalla Briggs & Stratton, società americana specializzata in tagliaerba, generatori di corrente e idropulitrici.

Fotogallery: Chrysler CCV concept