Confermato il bonus di 1.500 euro per chi rottama un'auto fino alla classe Euro 3. Attenzione però non vale in tutti i Comuni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato all’unanimità il decreto Clima, una serie di misure volute dal ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, in cui rientrano anche incentivi per la rottamazione di auto inquinanti. Attenzione quindi: il bonus non diventa uno sconto per l'acquisto di una nuova auto, a differenza dell'Ecobonus, ma dà diritto ad agevolazioni per abbonamenti al trasporto pubblico locale o a biciclette, anche a pedalata assistita. E poi c'è un'altra nota importante: vale solo in alcuni Comuni.

Con questi incentivi, infatti, il Governo vuole sì ridurre i livelli di inquinamento e l’età media delle auto circolanti in Italia (fra le più alte in Europa), ma parte dai Comuni più in difficoltà. Diamo qualche numero: secondo le stime dell’Unrae, l'Associazione delle Case automobilistiche estere presenti nel nostro Paese, al 31 dicembre 2018 (ultimo dato disponibile) il 32,9% delle auto registrate in Italia era antecedente alla classe anti-inquinamento Euro 4 (obbligatoria dal 1 gennaio 2006), quindi con sistemi per il trattamento delle emissioni inquinanti meno efficaci di quelle in classe Euro 4 o successive. In altri termici ciò significa che un’auto su tre in Italia ha almeno 13 anni.

Vediamo di seguito in cosa consiste il decreto Clima 2019 per gli automobilisti, modificato rispetto alle anticipazioni emerse nelle ultime settimane.

Chi ha diritto agli incentivi

Il bonus consiste in un contributo di 1.500 euro a fronte della rottamazione di un’auto fino alla classe Euro 3 entro il 31 dicembre 2021. Per l’occasione il Governo ha istituito un fondo di 255 milioni di euro, nel quale rientrano anche gli incentivi per chi rottama moto e motorini fino alle classi Euro 2 o Euro 3 a due tempi (500 euro per ogni moto o motorino rottamato). L'incentivo deve essere utilizzato entro i successivi 3 anni e può andare a favore anche di persone conviventi.

Omologazione Incentivo
Auto Euro 0, 1, 2, 3 1.500 euro
Moto e scooter Euro 2, 3 a due tempi 500 euro

Dove valgono gli incentivi

Come abbiamo detto gli incentivi alla rottamazione valgono solo in alcuni Comuni d’Italia. In pratica ha diritto al bonus rottamazione solo chi risiede in “Comuni che superano i limiti di emissioni inquinanti indicati dalla normativa europea sulla qualità dell’aria”. Il Governo però non ha ancora indicato quali sono.

Possiamo ipotizzare che i Comuni a beneficiarne si trovino nelle Regioni più inquinate ovvero in  Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Lazio. 

Come si ottengono

Il Governo non ha annunciato l’iter per ottenere gli incentivi, che sarà definito entro i prossimi 60 giorni: al momento non sono state ancora definite le modalità per l'ottenimento e l'erogazione degli incentivi.

L'articolo verrà aggiornato non appena saranno comunicate le regole per ottenere il bonus.

Sono cumulabili agli altri bonus?

In attesa di conferme ufficiali, bisogna avere in mente che questo incentivo alla rottamazione è mirato ad abbandonare l'uso dell'auto e quindi non dovrebbe sommarsi agli altri bonus in vigore. Ci riferiamo all'Ecobonus e alle agevolazioni messe a disposizione della Regione Lombardia, che prevedono la rottamazione per l'acquisto di una nuova auto.