I 30 euro sono erogati dal 20 febbraio, qui la procedura

Il 20 febbraio 2020 è il primo giorno in cui chiedere il contributo di 30 euro per l’acquisto o il rimborso dei seggiolini o dispositivi anti abbandono, dotati al loro interno di un sistema (funziona in genere tramite bluetooth) che emette un avviso se le persone a bordo dell’auto stanno dimenticando un bimbo fino a 4 anni d'età. I seggiolini di questo tipo sono obbligatori per legge dal 7 novembre 2019, ma le sanzioni per i trasgressori (81 euro e 5 punti sulla patente) entrano in vigore dal 6 marzo 2020.

La notizia arriva dopo che la Ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato il decreto per l’assegnazione della somma stanziata.

Cosa fare per ottenere il bonus

Il contributo all’acquisto, erogato sotto forma di bonus spesa, va richiesto dal 20 febbraio via internet:

Chi ha già acquistato il seggiolino o il dispositivo anti abbandono (magari proprio seguendo la nostra guida) può ottenere ugualmente il bonus, ma deve farne richiesta entro 60 giorni a partire dal 20 febbraio e allegando una copia del giustificativo di spesa. La richiesta di rimborso va effettuata tramite la piattaforma al sito internet sogei.it.

Fortunati quei 536.000

Il Governo ha messo a disposizione fondi limitati per il bonus seggiolino, pari a 15,1 milioni di euro per il 2019 e 1 milione per il 2020. Considerando che entrambi gli stanziamenti sono erogati nel 2020, ciò significa che i 16,1 milioni valgono per 536.000 richieste di acquisto o rimborso.

Fotogallery: Seggiolini auto, la normativa i-Size