Come si usano le mascherine in macchina, quante persone possono viaggiare insieme e molto altro

Benvenuti a tutti noi nella Fase 2. Il Governo ha ripetuto più volte che non si tratta di un liberi tutti, ma sicuramente siamo molto più liberi di prima per quel che riguarda gli spostamenti possibili, fra visita ai congiunti, motivi di lavoro (con moltissime aziende che hanno riaperto) e libertà di ritorno presso il proprio indirizzo di residenza.

All’atto pratico molti italiani da oggi in poi avranno giustificati motivi per ricominciare ad utilizzare l’automobile, e allora abbiamo voluto parafrasare in un unico decalogo quelle che sono le “regole d’oro” per muoversi in macchina, fra vincoli imposti dal Dpcm e principi di buon senso funzionali alla tutela della salute di tutti. Vediamo quali sono.

1. Motivazioni valide per lo spostamento

Il tema lo abbiamo già approfondito in questo articolo, ma il promemoria è d’obbligo: oltre che per motivi lavorativi e di salute, ci sono i motivi di necessità fra cui rientra la visita ai congiunti (coniugi, partner conviventi, partner delle unioni civili, parenti fino al sesto grado e affini fino al quarto grado) residenti nella stessa regione, il rientro al proprio domicilio (anche se in una Regione differente) e il recarsi in una qualsiasi attività commerciale aperta come officine, gommisti, lavaggi concessionari auto. L'autocertificazione è necessaria ma non è indispensabile stamparla per averla con se fisicamente.

Tipologie di spostamento Motivazioni ammesse (con autocertificazione)
All’interno della stessa regione

-> visita ai congiunti all’interno della stessa regione

-> comprovate esigenze lavorative

-> situazione di necessità

-> motivi di salute

-> ritorno presso il proprio domicilio di abitazione/residenza

Fra regioni diverse

-> ritorno presso il proprio domicilio di abitazione/residenza

-> comprovate esigenze lavorative

-> assoluta urgenza

-> motivi di salute

2. Indossate la mascherina se non viaggiate da soli*

Da oggi scatta l’obbligo di indossare la mascherina in luoghi pubblici in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza. Non c’è un obbligo specifico di indossare la mascherina sull’auto privata, ma le regole si possono desumere da quelle previste per taxi e NCC.

La mascherina non deve essere utilizzata se si viaggia da soli o con conviventi ma vi raccomandiamo di utilizzarla se trasportate altre persone (cliccate qui per sapere in quante persone si può viaggiare in auto). Consigliamo inoltre di sfruttare l’auto per tenere inoltre una scorta di mascherine da utilizzare quando scendete.

3. Limitate il numero di passeggeri in auto

In quante persone si può viaggiare in auto? Se si viaggia con un convivente non è richiesto il distanziamento. Il discorso cambia se si viaggia con un parente o una persona terza. In questo caso si deve mantenere il distanziamento di 1 metro con criteri analoghi a quelli applicati per il trasporto pubblico non di linea: al massimo 3 persone per macchina e il più lontane possibile tra loro (1 persona davanti e due dietro ai lati). Anche per questa ragione consigliamo di tenere delle mascherine di scorta in auto perché potrebbero sempre servire.

4. Igienizzate l’auto ogni settimana

Così com’è raccomandato il lavaggio frequente delle mani, dobbiamo fare attenzione agli elementi con cui le nostre mani entrano spesso in contatto nell’abitacolo. Il nostro consiglio è quello di effettuare una pulizia settimanale dotandosi di un detergente a base d’alcol o cloro e di un panno morbido in micro fibra (il panno va inumidito). Questi sono invece gli elementi principali da pulire:

  • Volante
  • Pomello del cambio
  • Leva o pulsante del freno a mano
  • Devioluci
  • Chiavi
  • Comandi alzacristalli e specchitti
  • Aletta parasole

5. Tenete in macchina Gel igienizzante e guanti

Sempre a proposito di pulizia delle mani, una delle cose che si scorda più di frequente a casa è il gel igienizzante. Il nostro consiglio è quindi quello di tenerlo in macchina, magari nel cassetto portaoggetti insieme ad una scorta di guanti monouso (oltre alle mascherine di cui sopra). Sono accessori che di questi tempi vi possono tornare utili tutti i giorni. Oltre che per fare il pieno di benzina.

6. Conservate qualche autocertificazione e la penna

Lo abbiamo ripetuto in più occasioni, l'autocertificazione è necessaria per giustificare il motivo per cui ci si sta spostando. Non è obbligatorio averla in macchina perché le Forze dell'Ordine ve ne forniranno una al momento del controllo, ma è comunque consigliato averla con sé per non perdere il tempo della compilazione sul posto. Consigliamo quindi di averne un paio di copie in macchina, magari stampate precompilate insieme ad una penna in modo da ridurre al minimo i tempi di controllo.

Buon senso & multe

Buona parte delle “regole” di cui sopra sono di buon senso e non sono disciplinate da alcune legge. Lo stesso buon senso che vi invitiamo ad avere negli spostamenti disciplinati dal Dpcm, a prescindere dalle eventuali sanzioni. Per completezza ve le ricordiamo: se si esce di casa senza uno dei comprovati motivi segnalati dall'autocertificazione si rischia una multa da 400 a 3.000 euro. Se si viene fermati ad un posto di blocco alla guida di un'auto non scatterà il sequestro del veicolo ma la multa sarà superiore di un terzo, quindi da 533 a 4.000 euro.

Oltre alla multa non è prevista alcuna denuncia che, però, scatterà se si dichiara il falso (ex art. 495 C.P.), se si dichiara il falso sulla propria identità (ex art. 496 C.P.) o se si violano i divieti di allontanarsi dalla propria abitazione perché positivi al virus (ex art. 260 r.d. 27.07.1934 n. 1265 - art. 4, commi 6 e 7, d.l. 25.03.2020 n. 19).