Con il prolungarsi dell'emergenza Covid alcune regioni hanno spostato le scadenze per il pagamento della tassa 2020 e 2021

Con il perdurare dell'emergenza coronavirus, che sta funestando il calendario dei giorni di festa e con ogni probabilità porterà disagi anche nella prima parte del 2021, si torna a parlare anche di possibili nuove proroghe sulle scadenze di alcuni oneri amministrativi tra cui il bollo auto.

Se  è vero, infatti, che i nuovi strumenti digitali implementanti proprio nel corso di quest'ultimo anno come PagoPa e Satispay o le nuove app Postepay e Bancoposta permettono di superare il problema di recarsi fisicamente allo sportello, alcune regioni hanno comunque deciso di agevolare gli automobilisti concedendo loro più tempo per il pagamento

Nessuna novità "nazionale"

A differenza di quanto accaduto in questo 2020, al momento il Governo non ha previsto nessun provvedimento a livello nazionale.

Dunque, per ora le scadenze del 2021 si direbbero "normalizzate", al consueto termine che è fissato nel mese successivo a quello di immatricolazione dell'auto, tranne per la Lombardia che ha invece fissato il termine entro la fine del nel mese di immatricolazione, anche se oggi è ancora valida la proroga di tutte le scadenze del 2020 al 2021.

Veneto ed Emilia Romagna, le prime novità

Tra le regioni che hanno inserito termini differiti nella discussione della legge di bilancio ci sono Veneto ed Emilia Romagna, anche se è il primo ad aver effettivamente introdotto una novità che riguarda il bollo 2021, spostando tutte le scadenze previste tra gennaio e maggio al termine del 30 giugno.

In Emilia Romagna invece la proroga riguarda le scadenze di questo 2020 che sono state rinviate fino al 31 marzo.

REGIONE Bollo 2020 Bollo 2021
Emilia Romagna La scadenza ultima è prorogata dal 31 dicembre 2020 al 31 marzo 2021 -
Lombardia La scadenza ultima è prorogata dal 31 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021 -
Veneto   Tutte e le scadenze comprese tra il 1°gennaio e il 31 maggio 2021 sono prorogate al 30 giugno 2021