Nuova rubrica di Motor1.com sui processi di sostenibilità legati all'auto. Con BMW che pensa di produrre acciaio senza emissioni di CO2

Diciamolo subito: il titolo è dichiaratamente iperbolico. Ma serve a richiamare l’attenzione su una nuova rubrica di Motor1.com Italia che vuole fare il punto sui metodi e sui processi di sostenibilità ambientale che sono a monte e a valle del prodotto-automobile.

Quanti di voi sanno, per esempio, che i rivestimenti dell'abitacolo di molte vetture sono creati riciclando bottiglie di plastica, reti da pesca e sughero? O che esistono asfalti e vernici “mangia smog”? Oppure che intere fabbriche possono soddisfare il proprio fabbisogno energetico dalla trasformazione del letame di migliaia di mucche?

Mentre l‘intero settore automotive è al centro di una trasformazione epocale, con la transizione sempre più spinta verso la produzione (e la vendita) di vetture elettriche, si tralascia spesso dalla discussione quanto le Case, ma anche e soprattutto, le aziende fornitrici della componentistica e le start-up tecnologiche stiano facendo per rendere più eco-sostenibili il mondo dell’auto e la mobilità del futuro.

Acciaio carbon free per BMW

Ecco allora che la notizia di un investimento di BMW in un metodo innovativo di produzione dell’acciaio senza emissioni di CO2 diventa di non secondaria importanza. Il gruppo bavarese sta investendo nel metodo messo a punto da una start-up statunitense, Boston Metal, che per mezzo di una cella di elettrolisi produce ferro fuso che viene poi trasformato in acciaio.

Se in questo processo viene utilizzata l’elettricità proveniente da fonti rinnovabili, allora la produzione di acciaio carbon free. L’acciaio è un materiale che, nonostante l’uso sempre maggiore di carbonio, materie plastiche e alluminio, resterà centrale nella produzione delle carrozzerie e di molte altre componenti.

“Ci siamo posti l’obiettivo di continuare a ridurre le emissioni di CO2 nella supply chain dell’acciaio. Entro il 2030, le emissioni di CO2 dovrebbero essere inferiori di circa due milioni di tonnellate rispetto a quelle attuali. E stiamo già lavorando con fornitori che usano solo energia green nella produzione dell’acciaio”, ha detto Andreas Wendt, membro del consiglio di amministrazione di BMW con delega agli acquisti e al network delle forniture.

Fotogallery: BMW Group, acciaio prodotto senza emissioni di CO2