Il percorso più sicuro o quello più eco-friendly, le zone affollate e le altre novità in arrivo sull'app Google Maps

Al Google I/O 2021 la casa di Mountain View ha riservato un posticino anche per introdurre le novità in arrivo su Google Maps, pensate per rendere l’esperienza d’uso sempre più completa e appagante, anche per quel che riguarda l’esplorazione.

Alcune cadono proprio a fagiolo in queste settimane in cui si incomincia a percepire l’atmosfera tipica delle vacanze estive. E allora, scopriamo subito di che si tratta e in che modo queste nuove funzioni potranno tornar comode in occasione dei prossimi viaggi in auto.

Qual è l’itinerario più sicuro?

In aggiunta ad alcuni cambiamenti estetici della funzione di pianificazione dei percorsi, pensati per migliorare la leggibilità dell’anteprima dell’itinerario (in particolare laddove siano richiesti più mezzi di trasporto per lo spostamento), Google Maps sta per introdurre una funzione chiamata “Safer routing”, legata dunque alla sicurezza.

Si tratta di un meccanismo che si serve dai sistemi di machine learning, ed entra in gioco quando si desidera pianificare uno spostamento. In sostanza, con l’obiettivo di prevenire gli incidenti stradali, Maps suggerirà il percorso più sicuro, eventualmente alternativo a quello scelto abitualmente, l’itinerario col minor rischio di tamponamenti in cui si procede il meno possibile “a singhiozzo”.

Ad esempio, spiega Google: “Al verificarsi di un'impennata di situazioni in cui i conducenti effettuano delle frenate brusche in un determinato posto e a una determinata ora del giorno, in cui è ad esempio probabile che il sole abbagli chi guida, il nostro sistema può rilevare tali eventi e offrire dei percorsi alternativi”.

Google Maps Safer Routing

Percorsi eco-friendly, zone affollate e mappe smart

Nasce sulla falsariga dell’opzione precedente la funzione di Google Maps, già segnalata di recente, che permette di scegliere gli itinerari più “ecologici” fra le varie alternative proposte, cioè quelli col minor impatto ambientale per consumi e impronta di carbonio.

Interessante anche lo sviluppo delle mappe stradali dettagliate, un’opzione che, col supporto dell’IA, mostra marciapiedi, larghezza effettiva delle strade, isole e strisce pedonali e altre informazioni aggiuntive, disponibile entro l’anno in altre 50 città fra cui Berlino, Seattle e Singapore.

external_image

Ultima, ma non per importanza, la possibilità di controllare da remoto le zone delle città più affollate in un determinato momento, particolarmente utile in vacanza quando ci si trova in un luogo sconosciuto, per gli spostamenti sia in auto che a piedi.

external_image

Disponibilità

Google ha ufficializzato tutte queste funzioni di Maps nelle scorse settimane, ma non ha ancora comunicato con precisione quando tali novità saranno effettivamente disponibili per tutti, e se lo saranno già prossimamente.

Sappiamo che riguardano sia l'app per smartphone Android, che la versione per iPhone, ma per il momento non ci resta che aspettare ulteriori nuove e, al solito, tenere d'occhio Google Play Store e App Store per non perdersi i prossimi aggiornamenti.