Può un metallo noto, apprezzato e utilizzato da tempo nel mondo dell'auto, come l'alluminio, portare la produzione e l'utilizzo dei veicoli verso un futuro prossimo a emissioni zero?

Secondo Nissan sì, visto che ha già annunciato per la nuova Qashqai l'impiego, per la prima volta su un suo modello prodotto in Europa, di un numero elevato di lamierati in lega leggera d'alluminio. La carrozzeria pesa 60 kg meno della Qashqai di generazione precedente e questo si traduce in minori consumi ed emissioni.

Nuove lamiere dagli scarti d'alluminio: 90% di energia risparmiata

Alla maggiore efficienza delle vetture, che riducono così le emissioni durante l'utilizzo, si aggiunge poi un nuovo processo produttivo nello stabilimento britannico di Sunderland.

Con un investimento di 52 milioni di sterline (60,5 milioni di euro al cambio attuale) è stata infatti realizzata una seconda linea di presse extra-large con impianto di separazione a ciclone per il riciclaggio dell’alluminio che gestisce sette tonnellate di metallo ogni ora e crea uno scarto di alta qualità, trasformato poi da fornitori in nuovi fogli di alluminio.

Nuova Nissan Qashqai (2021)

Così facendo il processo produttivo risulta più sostenibile, con meno scarti e meno emissioni di CO2, un ulteriore passo verso quella neutralità del carbonio che Nissan intende raggiungere con le sua attività aziendali già dal 2050. In pratica il riciclaggio efficiente dell'alluminio permette di risparmiare più del 90% dell'energia che sarebbe invece necessaria per produrre le stesse lamiere utilizzando le materie prime.

Nissan Leaf prodotte a zero emissioni grazie al sole

Sempre nello stabilimento Nissan di Sunderland è in fase di approvazione l'ampliamento di 20 MW del parco solare già esistente, con l'aggiunta di 37.000 pannelli solari in grado di portare al 20% la quota di energia proveniente da fonti rinnovabili.

Power Cruise Control Nissan Leaf

Se approvato, questo ulteriore sfruttamento dell'energia solare permetterebbe di produrre a zero emissioni ogni Nissan Leaf venduta in Europa.

Carbon neutral dal 2050

Ricordiamo che Nissan ha già annunciato a inizio 2021 l'obiettivo di "essere carbon neutral in tutte le sue operazioni e nel ciclo di vita dei suoi prodotti entro il 2050". Ciò significa che le missioni di CO2 in atmosfera dovranno essere pari a zero a partire dall'estrazione delle materie prime, passando per la produzione delle auto e delle sue componenti, l'utilizzo su strada delle vetture stesse e infine il riciclo o riutilizzo dei veicoli a fine vita.

Nissan Leaf crossover primo piano

Per avvicinarsi a questo ambizioso obiettivo, Nissan venderà a partire dal 2030 solo veicoli elettrificati nei mercati chiave. Oltre alla Nissan Leaf che ha raggiunto il mezzo milione di esemplari venduti in tutto il mondo, la Casa proporrà da fine 2021 il nuovo SUV elettrico Ariya.

Sulla stessa piattaforma CMF-EV della Nissan Ariya sarà poi prodotta nello stabilimento di Sunderland e nella vicina Gigafactory di Envision-AESC una nuova crossover compatta elettrica che intende ripetere i successi della stessa Leaf.

Fotogallery: Nissan Ariya