Come si fa a conciliare concetti come "sostenibilità" ed "ecologia" con il bisogno di offrire ai propri clienti materiali ricercati? I marchi premium sono impegnati da tempo a trovare l'equilibrio tra la gratificazione del proprio pubblico e la nuova coscienza ambientalista. La buona notizia è che si può fare.

Bentley, ad esempio, è il primo brand auto a entrare nel Leather Working Group, un’organizzazione composta da produttori di pelle, commercianti, fornitori, esperti tecnici, nonché marchi e rivenditori dell'industria manifatturiera (tra i quali spiccano Mulberry, John Lewis, LVMH e Adidas) che ha il compito di certificare la qualità della pelle utilizzata.

Pelle premium e zero sprechi

Dal 2022 in poi Bentley utilizzerà su tutti i suoi modelli pelle proveniente da fornitori e concerie che offrono standard di qualità certificate dal Leather Working Group. Il suo team di rifinitura garantirà ancora gli altissimi standard di qualità del marchio premium, cercando di ridurre però al minimo gli sprechi di prodotto.

La pelle ecosostenibilie delle nuove Bentley

"L'utilizzo della pelle nella realizzazione delle nostre vetture è segno distintivo della nostra storia centenaria. I nostri tagliatori e rifinitori sono esperti nei loro campi e il fatto che tante vetture storiche abbiano ancora con i loro interni originali dimostra la longevità della pelle e la sua intrinseca sostenibilità nel tempo”, dice Mark Cooke, responsabile acquisti per la produzione di Bentley.

Il futuro è “green”

L’ingresso di Bentley nel Leather Working Group, rientra perfettamente all’interno del nuovo piano strategico della Casa inglese, denominato Beyond100. L'organizzazione senza scopo di lucro è attiva dal 2005 e si è assunta l'onere della certificazione ambientale della pelle utilizzata nell’industria manifatturiera. 

La pelle ecosostenibilie delle nuove Bentley

Oltre all’utilizzo di materiali di alta qualità e allo stesso tempo sostenibili con un basso impatto ambientale, il marchio britannico punta, entro il 2026, a proporre una gamma composta solamente da auto 100% elettriche.

Questa direzione è sottolineata dall’ultima versione Odyssean Edition della Flying Spur, equipaggiata con un powertrain ibrido plug-in e con interni basati su rivestimenti ecosostenibili. 

Fotogallery: Bentley, la pelle premium degli interni diventa ecosostenibile