Jump to content
Accedi per seguire questo  
Cordy

Yaris Active 1.5 HSD MY 2016-16

Post consigliati

Come promesso nella sezione "Auto del futuro", dopo un mese (ed 800 km) con la mia nuova Toyota Yaris ibrida, apro un topic per raccontare un po' com'è, come va, come mi trovo. Liberi di fare domande specifiche, con calma cercherò di rispondere a tutti.

 

Esterno: è l'ultima versione della Yaris, in vendita da un anno abbondante, con la grande X anteriore, nera. La mia è bianca, quindi spicca con una certa evidenza... ha il logo anteriore, come tutte le versioni ibride, contornato di plastica blu. La linea è piuttosto filante, infatti non ha particolari fruscii aerodinamici, ma la bellezza non è certo uno dei motivi principali per cui l'ho presa... onestamente: di auto nuove non me ne piace neanche una! Sono un noiosone... :rolleyes:

Nella mia versione (quella intermedia, la Active) ha i cerchi in lega da 15", quindi senza montare gomme particolarmente ribassate (come il top di gamma, che ha cerchi da 16"), con qualche beneficio sui consumi (gomme larghe = più consumo) e sul peso complessivo.

 

Interno: molto piacevole e ben fatto. Nessun rumore, vibrazione o scricchiolio. Plastiche morbide e ben stampate ed accoppiate. Finiture accurate, grande comfort generale. Oltre alla silenziosità intrinseca dell'ibrido, c'è un montaggio eccellente, che annulla qualsiasi "rumorino", anche per un "rompi" come me. A questo si aggiungono 4 posti comodi (per me, che non sono un bufalo, persin troppo larghi), il clima bizona, di eccellente e razionale concezione, forse persino migliore di auto più blasonate ed il touch, con tutta la parte di visualizzazione del funzionamento ibrido, oltre a radio, lettore di file MP3 (o di un ipod collegabile sul tunnel), viva voce Bluetooth, il tutto con comodi comandi al volante. Insomma: anche senza esagerare con le "diavolerie" elettroniche, c'è tutto ciò che ci si aspetta da un'auto moderna, con qualche vizio in più per i privilegiati passeggeri di un'utilitaria abbastanza atipica. Come mi aspettavo da una Toyota (ho avuto una Celica), funziona tutto esattamente come ci si aspetta, in modo semplice ed intuitivo. Nulla di avanzato od esoterico, ma mi aspetto che continui così per molti anni, senza bisogno di particolari precauzioni.

Uniche note poco positive: il quinto posto ha i piedi sacrificati da un (incomprensibile) porta-bottiglia, posizionato dietro la leva del freno a mano. Ed il bagagliaio è appena appena sufficiente (ma arrivo da una Polo variant, un "gigante" di soli 13 cm più lunga, ma con un baule di soli 10 cm più corto di una Passat variant). Buona l'idea di mettere di serie il tappetino salva-baule in gomma. Ma non c'è (forse a pagamento? ma in listino non credo di averlo visto) il ripiano per dividere in due il baule, ad esempio per far "sparire" le catene, pur essendoci le guide sui lati. Od almeno per non dover appoggiare sulla scatola delle catene le borse della spesa, con il rischio che cadano, spargendo la spesa nel baule. Ok, meno peso. Ma potevano metterlo, consigliando di portarlo solo quando serve davvero... secondo me, l'hanno fatto per risparmiare. E con quel che costa la macchina... <_<

 

Motore: qui dovrei scrivere un libro! :lol:  Prima di tutto perché i motori, negli HSD di "mamma" Toyota, sono 3 (2 elettrici ed un Miller a scoppio). E poi perché il funzionamento è talmente complesso, che ci vogliono dei romanzi, per capirlo, altro che un semplice post su un forum. Allora, facciamo così: voi domandate pure. Io mi limito a dire che tutto il sistema HSD cerca di sembrare, sempre, un motore elettrico. Cioè eroga quasi sempre la coppia migliore che può dare, il che significa che se non si lesina sul pedale dell'acceleratore, la macchina c'è sempre, per accelerare. Leggo spesso che le auto ibride sarebbero "spompate". No, non secondo me. Il punto è che uno ha talmente tante informazioni su quanto consuma l'auto e su che cosa si può fare per farla consumare di meno, che tende automaticamente ad iniziare, ad ogni accensione, un economy run! Mentre l'auto è invece pensata solo per essere il più semplice possibile.

 

Cambio: è un eCVT. Cioè un qualcosa che simula il funzionamento di un CVT (un cambio a variazione continua del rapporto di trasmissione). Se volete un consiglio, se volete approfondire il funzionamento, cercate su youtube i filmati che illustrano il funzionamento del PSD. Che è il cuore del sistema eCVT. In pratica, in un cambio cvt abbiamo una cinghia che slitta su due pulegge coniche, montate con le punte contrapposte, per allungare od accorciare il rapporto di trasmissione. La cosa offre il vantaggio di non avere il "buco" fra una marcia e l'altra, inevitabile in ogni altra soluzione a marce discrete (anche nei doppia frizione). Ma con lo svantaggio delle perdite indotte dalla cinghia (di solito metallica).

Nulla di tutto ciò nell'ecvt. In pratica, funziona come un incrocio fra uno scatto libero di una bicicletta (quel particolare meccanismo presente nel pacco pignoni, che consente di smettere di pedalare senza che i pedali, per questo, continuino a girare) ed un doppio differenziale. :ph34r:  Mi sa che così si capisce meno ancora, eh?

Ripeto: guardatevi qualche filmato. E' l'uovo di colombo, in fondo: ci sono 5-6 ingranaggi che lavorano, comandati dai 2 motogeneratori e dal motore e scoppio. Tutto ciò sostituisce il cambio, la frizione, il motorino di avviamento e la massa volanica. In modo semplice e geniale, allunga ed accorcia il rapporto di trasmissione, gestisce la coppia, accende il motore, carica o scarica le batterie (si: è il freno elettrico!). Ed il tutto senza che il guidatore si debba preoccupare di niente. L'unica cosa che deve fare è usare freno, acceleratore e sterzo, lasciando che l'elettronica pensi a tutto.

 

Come si guida? Semplice. Dannatamente semplice. Fin troppo. Lo confesso: è sconcertante. E dopo quasi mezzo secolo di frizione, freno, prima e seconda poi ancora prima... beh, riabituarsi non è facile! :wacko:  M'è capitato un paio di volte di tirare un pestone "istintivo" con il piede sinistro al freno!!! :blink:  Fortuna che ci sono le cinture e che dietro non c'era nessuno! :rolleyes:  Ma è un "problema" che avrei con qualsiasi automatica, no? In compenso, la comodità di un silenzio (spesso totale!), di un assetto prettamente neutro (prima di capire se sotto- o sovra-sterza, interviene l'elettronica...), di ammortizzatori (e parti correlate, tamponi, silent-bloc, ecc.) che filtrano molto bene le numerose e violente asperità del terreno, beh... ne fanno un veicolo di classe superiore ad una semplice utilitaria. Se posso portare un piccolo appunto, forse in autostrada si gradirebbe un minor livello di servo-assistenza allo sterzo: se uno è un po' nervoso, si ritrova a correggere continuamente la direzione... però, non è un problema evidentissimo: se uno si rilassa, scompare.

Un'altra cosa che può sconcertare è la mancanza di una qualsiasi correlazione fra il rumore che fa il motore ed il comportamento dinamico della vettura. Il motore a scoppio si accende, si spegne, accelera, decelera, comandato dalle centraline, senza che il tutto abbia un effetto diretto sulle ruote :mellow: . Vive una vita a sé. La cosa è particolarmente sconcertante quando si dà una brusca accelerata, pestando a fondo l'acceleratore: i giri schizzano (istantaneamente!) al massimo, ma la macchina (ovviamente) pur accelerando, anche in modo molto deciso, non segue la logica di un cambio manuale. Cioè sembra che il motore stia facendo slittare una (inesistente!) frizione. L'accelerazione è buona, strumenti alla mano. Cioè: il mio solito giro di 3 ore, con 2 ore di guida effettiva, mi si è ridotto di alcuni minuti. Cioè l'auto ha una prestazione effettiva di accelerazione media assai migliore della macchina di prima (una Polo Variant 1.4 16 V a GPL del 2000....). Anche se io non saprei dire dove ho guadagnato. Io anzi ho la sensazione di andare in modo molto più prudente di prima, ma evidentemente, data la riduzione del tempo totale di percorrenza, da qualche parte ho pur guadagnato!

 

Freni. Semplicemente ECCELLENTI! Nelle frenate blande, il sistema di frenata elettrico, che recupera energia per la batteria ibrida, consente una regolazione millimetrica della frenata. Nelle frenate d'emergenza, come già ho accennato :D  la macchina fa una vigorosissima frenata, eventualmente aiutandosi con un sistema di assistenza alla frenata, oltre all'ABS. Temo più di essere tamponato, che non di tamponare...

 

Elettronica. Efficiente, efficace, inappuntabile. C'è, funziona in modo impeccabile, intuitivo ed è un GRANDE aiuto alla gestione di tutta la macchina. Se posso, anche qui, trovare un difetto: forse, per la mia esperienza di guida e le mie abitudini (la Polo non aveva nemmeno l'ABS...) l'ESP ed il TC intervengono in modo un po' troppo cautelativo. Come ho accennato, faccio spesso strade bianche, con belle discese e salite. Da qualche settimana, si trova anche qualche tratto brinato. I primi tempi è capitato spesso di vedere la spia lampeggiare. Ero abituato a "sentire" qualche perdita di giro di ruota, senza farci poi caso più di tanto: so come tenere in strada l'auto. Ok, se voglio divertirmi un po', il tasto per disattivare TC ed ESP c'è e FORSE, pensando a moglie e figli, l'elettronica interviene nel modo più sicuro. Però, A ME rimane un po' strano, l'intervento dell'elettronica, per così poco. Anche la Celica, che aveva ABS ed un eccellente ESP a 6 canali, aveva elettronica sicura, ma quando mi si inseriva, me l'ero proprio cercata! Qui invece... mah... appena teme di perdere 1 cm di tenuta, zac! taglia!

 

Consumi. Il primo pieno si è chiuso a 19,22 km/l (5,2 litri/100 km). Identico a quanto indicato dal computer di bordo, peraltro. Dicono che slegandosi e con il caldo l'auto consumerà di meno. Va già bene così, dato il mio impiego ed i miei scopi! Anche perché usando quattro accortezze (principalmente sul riscaldamento auto) sono già ad una media globale di 4,8 litri per 100 km, pari ad una percorrenza di 20,83 km/litro. Cioè ancora inferiore, considerando che dopo il primo pieno ho fatto solo altri 200 km! Considerando che nel primo pieno ci sono stati numerosi "giretti di prova" di parenti ed amici ed una sparata autostradale di poco meno di 70  km, con il freddo e l'auto legata, beh, straordinario! Con la Polo su quel percorso facevo 10 con il GPL e poco più di 12 a benzina... :D

L'auto ha un'autonomia che si aggira fra i 650 e gli 850 km, direi. Il serbatoio è da 35 litri (primo pieno a 34,6 litri!!!), ma la riserva scatta con ancora più di 6-7 litri di benzina rimasti nel serbatoio. Che, con quelle percorrenze, corrispondono a più di 100- 150 km! Strano modo d'intendere la riserva, direi... :)

 

Perché l'ho comprata. Il grosso dei km che faccio sono per consegna giornali. Facendo due conti, con i pochi km che faccio, è la soluzione ideale. Costi di manutenzione bassi (meno di un equivalente modello a benzina, molto meno di un diesel e di un gpl/metano). Semplice da usare, affidabile (anche la Celica da questo punto di vista mi aveva DAVVERO STREGATO!) ed adeguata alle mie attuali esigenze. In più, con la formula d'acquisto che mi serve, è fra le più competitive (leasing).

 

A chi non consiglierei di prenderla. A chi fa uso prevalentemente autostradale del mezzo. Credo che un diesel, magari con cruise control e cambio automatico, sia ancora la scelta migliore, se si passa il 70 o più % del proprio kilometraggio a 130 km/h fissi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ricordo che quando acquistai la mia prima auto col cambio automatico feci tesoro del consiglio del venditore:dimenticati di avere il piede sinistro!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si. Ma in condizioni particolari il piede sinistro, dopo... coff... coff... 48 anni! di abitudine a scalare le marce, fa tutto da solo! E ritrovarsi appesi alle cinture di sicurezza è questione di un attimo!

:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riprendo il mio post per aggiungere qualche considerazione in ordine sparso.

Son passati 12 mesi e 10.000 km. Venerdì porterò la Yaris in concessionaria per il tagliando dei primi 12 mesi (costo previsto 144 euro, in linea con quanto dice il sito Toyota). Com'è andata? Bene, direi. Mi sono rapidamente abituato e non ho più nessun problema ad usarla. Anzi: comincia a sembrarmi strano usare auto con il cambio manuale.

Ho capito bene che l'auto è sorniona, molto sorniona! Che cosa intendo? Che fa finta di essere pigra, ma, se si affonda tutto l'acceleratore, ha un gran bello spunto. Mi è capitato di dover fare qualche sorpasso ed i primi tempi ho "appeso" alla maniglia il passeggero. Avete presente quando siete in macchina e vostra moglie, convinta che il sorpasso finirà con un frontale, si "attacca" terrorizzata alla maniglia? Ecco: quella situazione. :D  Con la differenza che, a fine sorpasso, ti guarda e fa: "pensavo che non ci stessi dentro ed invece... :o ". Già. Forse la sensazione è ingigantita dal comportamento medio dell'auto, piuttosto soporifero. Ma in effetti avere una marcia sola, che è sempre quella giusta per la richiesta che facciamo, tramite acceleratore, alla macchina, ha questo strano, doppio effetto, un po' alla dottor Jeckill e mister Hyde.

 

Prevengo una domanda sui consumi: ecco il mio account Spritmonitor: https://www.spritmonitor.de/en/detail/798397.html , su cui ho fedelmente annotato tutti i pieni. Siamo ad una media (su 10.000 km, con una preponderanza di utilizzo in collina, città per consegne e paesi, ma anche qualche sparata autostradale...) di 4.44 L/100 km. 22,5 km/l. Mi sembra ragguardevole. Ma il punto è che l'auto è straordinariamente comoda da guidare, comoda per viaggiare, spaziosa (almeno per una 4 metri scarsi) e confortevole.

 

I problemi? Un paio, roba da pignolone ex consulente della qualità, che non ho mancato di rimarcare al locale concessionario.

Il primo: mi hanno consegnato l'auto senza liquido lavavetro e con il serbatoio aperto... poco male. Sono tornato il giorno dopo ed ho fatto ovviare alla mancanza. Con tante scuse del capo officina.

Si: ad auto nuova sono il tipo che controlla subito i livelli e la pressione delle gomme... :blink:  un vero rompi! :lol:

ll secondo problema, che risolverò in fase di tagliando: il faro sinistro punta con una certa decisione verso destra, secondo me.

Insomma: in fase di tagliando preconsegna è sfuggito qualcosa. Ammesso che sia ancora di moda farli, i tagliandi preconsegna.

 

Per il resto, nulla da segnalare.

 

La mia versione è quella intermedia, cioè il model year 2015-2016, che è seguito a quello 2012-2013, ma non l'ultima, presentata in primavera di quest'anno.

Ed a proposito proprio dell'ultima versione, ho come la sensazione che sia leggermente cambiato qualcosa nella gestione del sistema ibrido (forse le strategie software?): vedo che tutti i nuovi utenti ottengono molto facilmente (e ad auto nuova, che consuma qualcosa in più per i primi 2-3 mesi) consumi molto buoni.

 

Ed ora, se ci sono domande... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervengo ancora una volta sul mio stesso post, con notizie per nulla positive...

 

Purtroppo, ieri ho avuto conferma di quel che temevo. I bolli auto, che la regione Emilia Romagna (e la Toyota...), strombazzano come "omaggio", per 3 anni, avendo io comperato l'auto con un leasing, non sono affatto "omaggio" (cioè non essendo io il proprietario, ma solo il titolare di patto di riservato usufrutto, non sono esente).

 

Si vede che se uno l'auto la affitta con il leasing, invece di pagarla, la ottiene in una particolare versione che inquina? Boh.

 

Però, il punto è che se adesso devo pagare 3 anni di bolli (2 arretrati con sanzioni ed interessi...) mi cambiano i conti.

A questo si aggiunge un altro problema: l'anno scorso di 12 mesi lavorati me ne hanno pagati solo 6. Quindi, sto meditando di vendere l'auto, chiudere il leasing, sperando di perderci il meno possibile e chiudere il rapporto di collaborazione per la consegna dei giornali. Fra bollo, bolli arretrati, benzina anticipata e leasing, l'anno scorso ho speso ben più di quello che ho incassato. Mi compro un catorcio da 1.000 euro da lasciare in strada e chi s'è visto s'è visto, in barba a tutte le norme antinquinamento. Magari affitto anche il box, così...

 

Peccato, in fondo: l'auto ha 18.000 km, ha fatto il suo bravo tagliando in concessionaria a scadenza regolare, va benissimo, consuma davvero poco (vedi il mio link qui sopra al conto sprimonitor, con annotati anche gli acquisti di liquido lavavetro) ed è un prodotto molto indovinato. Ma per me non ha più un senso economico. Se interessa a qualcuno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi dispiace per la situazione lavorativa, purtroppo capita sempre più spesso di non essere pagati.

Io viaggio sempre in extraurbano di pianura, a velocità abbastanza costante (in mezzo a tanti camion). Quindi penso che non avrei nessuna convenienza con una ibrida. La mia Panda fa 17 km/l a GPL, che costa meno della la metà della benzina.

 

Per quanto riguarda la vendita dipende tutto da quanto ci perdi. Attento che con 1000 euro non ci compri nulla.

Prima di venderla controlla anche cosa riesci a comprare. Se compri un catorcio che necessita di 2mila euro di lavori non è poi un grande affare.

 

 

P.S. Voto 10 perché nella recensione del 2016 hai scritto Miller e non Atkinson!

Share this post


Link to post
Share on other sites

:rolleyes:  grazie per il 10 (per così poco?). Vedo che fai il mio stesso tipo di percorso (cui io aggiungo le frequenti soste e qualche dislivello, essendo in collina): faccio una media (calcolata su 17.000 km circa, quindi compresi anche diversi tratti autostradali) di 4,47 litri per 100 km. Cioè una percorrenza di 22,4 km/litro. Dato il costo basso del GPL, alla pompa vinci tu. Ma nel costo globale, sui 10 anni di durata dell'impianto, considerando il costo di ammortamento dello stesso, le frequenti manutenzioni aggiuntive, ecc., mi sa che la differenza è molto meno di quella che sembra. Se mi avessi detto che fai autostrada, mi sarei limitato a ringraziare per il 10, ma dato il tuo tipo di percorso, giusto perché rimanga traccia scritta ai posteri di un calcolo più corretto, mi sembrava giusto puntualizzare.

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervengo ancora una volta sul mio stesso post, con notizie per nulla positive...

 

Purtroppo, ieri ho avuto conferma di quel che temevo. I bolli auto, che la regione Emilia Romagna (e la Toyota...), strombazzano come "omaggio", per 3 anni, avendo io comperato l'auto con un leasing, non sono affatto "omaggio" (cioè non essendo io il proprietario, ma solo il titolare di patto di riservato usufrutto, non sono esente).

 

Si vede che se uno l'auto la affitta con il leasing, invece di pagarla, la ottiene in una particolare versione che inquina? Boh.

 

Però, il punto è che se adesso devo pagare 3 anni di bolli (2 arretrati con sanzioni ed interessi...) mi cambiano i conti.

A questo si aggiunge un altro problema: l'anno scorso di 12 mesi lavorati me ne hanno pagati solo 6. Quindi, sto meditando di vendere l'auto, chiudere il leasing, sperando di perderci il meno possibile e chiudere il rapporto di collaborazione per la consegna dei giornali. Fra bollo, bolli arretrati, benzina anticipata e leasing, l'anno scorso ho speso ben più di quello che ho incassato. Mi compro un catorcio da 1.000 euro da lasciare in strada e chi s'è visto s'è visto, in barba a tutte le norme antinquinamento. Magari affitto anche il box, così...

 

Peccato, in fondo: l'auto ha 18.000 km, ha fatto il suo bravo tagliando in concessionaria a scadenza regolare, va benissimo, consuma davvero poco (vedi il mio link qui sopra al conto sprimonitor, con annotati anche gli acquisti di liquido lavavetro) ed è un prodotto molto indovinato. Ma per me non ha più un senso economico. Se interessa a qualcuno...

Ciao, sto valutando anche io l’acquisto di una Yaris anche se usata da concessionario, pensavo almeno del 2016. Non riesco a capire che stile di guida si deve tenere per avere reali risparmi. Al momento ho una C2 e consuma sui 6,3 l/100 km quindi sui 16. Per andare a lavoro faccio un 25 km a tratta mista tra urbana e tangenziale. Per il resto faccio strade sempre così, miste…e in tange non supero i 120 generalmente al momento con la mia… Ho fatto un test drive ma se devo essere sincera quello che mi è parso è che non si debba spingere per usare l'elettrico ed avere quindi risparmio, è possibile? Non vorrei vivere col controllo del pedale... Poi non ho capito se ha bisogno di manutenzioni specifiche la Yaris. Cioè un tagliando cosa costa e ogni quanto si prevede più o meno? Per la batteria mi hanno detto che è garantita 8 anni... E POI? QUANTO DURA? La mia idea è di prendere una macchina che mi duri anche 15 anni, faccio in media 12.000 km/anno (la mia c2 ha 176000 km ed è del 2015)... Dite che fa per me? grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque. L'auto ha 3 anni di garanzia. La mia 4,perché ho comprato l'estensione, che comprende fra le altre cose il traino gratuito in tutta Europa, anche per problemi banali come forature o fine benzina.

I tagliandi sono annuali od ogni 15.000 km, come dicono gli inglesi "whichever comes first", cioè alla prima delle 2 evenienze. I tagliandi dispari (primo, terzo, ecc.) costano sui 150 euro e comprendono il controllo di tutta la parte ibrida (le centraline vengono collegate via internet con un computer Toyota, credo in Giappone od in Olanda), la sostituzione olio e filtro olio (l'olio è specifico e piuttosto costoso), oltre ai controlli di routine. I tagliandi pari (secondo, quarto, ecc.) prevedono anche il cambio del liquido idraulico dei freni (l'auto ha un sofisticatissimo sistema brake by wire, tipo F1) e costano sui 280 euro. Trovi i costi precisi sul sito, zona assistenza, link al calcolo tagliandi. Massima trasparenza, insomma. A questi costi, vanno aggiunti eventuali interventi "optional": filtro aria, filtro abitacolo, igienizzazione, trattamento pulizia iniettori, ecc. che non sono "obbligatori", pena la decadenza della garanzia, ma non sono certo gratuiti.

 

Facendo controllare ogni anno il sistema ibrido, la garanzia può essere estesa fino al 10° anno. Cioè, se si verifica qualche malfunzionamento in corso d'anno, pagano loro la sostituzione della batteria.

 

Oltre... beh, se vuoi, puoi cercare il sito dell'Hybrid Synergy Forum. C'è un tizio che ha raccontato ogni singola riparazione sulla sua Prius seconda serie. Attualmente ha superato i 600.000 km ed ha ancora la batteria di serie, con un'età del veicolo che non ricordo, ma credo superiore ai 14-15 anni.

 

I consumi prevedibili: direi che hai un percorso un po' più veloce del mio. Io, su un totale di 17.000 km circa, sono sui 4,45 litri per 100 km. Direi che dovresti stare intorno ai 4-4,2. Rispetto ai 6,3 della C2, è una bella differenza, no?

 

Guida: no, guarda, è vero il contrario! MENO elettrico possibile, per consumare poco. L'auto non è un'elettrica, ma un'ibrida, quindi rende al meglio facendo lavorare il più possibile i due sistemi insieme. Quindi: accelerazione senza star lì tanto a guardare (e va che è un piacere, se pesti sull'acceleratore!), poi raggiunta la velocità desiderata, piede fermo e leggero. Vedi anche qui il forum che ti ho indicato. E' una miniera d'informazioni.

 

Manutenzioni particolari: se fai i tagliandi regolari, basta. Ci sono veicoli del 2012, come mezzo più vecchio, quindi non si può dire molto di più sull'affidabilità della Yaris. Ma guardando alle Prius, che hanno il "papà" del sistema ibrido Yaris, non dovrebbe essere un veicolo usa e getta. Se proprio non vuoi "tradire" il tuo affezionato meccanico, puoi far fare a lui i tagliandi (a norma tecnica della casa costruttrice, ovviamente), aggiungengo 60 euro annui per l'hybrid check (che nel tagliando è compreso nel prezzo).

 

Onestamente? Consiglio di provarla. E cercare di capire se quel particolare tipo di guida ti piace. Il rumore del motore, va semplicemente ignorato. E' "una variabile indipendente", per dirla alla Pierre Carniti. Il comportamento dell'auto risente solo di quanto premi acceleratore e freno. Personalmente la trovo un mezzo semplicissimo da guidare, comodo ed efficiente.

 

Ho spiegato che probabilmente dovrò venderla per motivi economici. Vil pecunia permettendo, mi prenderò un'ibrida usata. Giusto per dirti come mi sono trovato io. Però, ripeto: è estremamente soggettivo, quindi vai a provarla. Poi, se vuoi, torna e fai altre domande. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nei giorni scorsi, la yaris ha compiuto 3 anni. Purtroppo, ho perso il lavoro per cui l'avevo comprata, per cui le mie percorrenze annuali sono crollate. Oggi l'auto ha poco più di 25.000 km. La presente "risposta" è solo un aggiornamento sui costi. 

La media su 3 anni è di 4,43 litri per 100 km. L'uso, ovviamente, è prevalentemente fuori città, con pochissima autostrada. 

Ho registrato con pignoleria tutti i costi (anche il liquido lava vetri!) ed il costo totale al km che mi viene fornito da spritmonitor è di soli 9 eurocent al km. Credo che non sia compreso il costo finanziario: con così pochi km il quadro sarebbe molto meno lusinghiero, temo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Accedi per seguire questo  

×
×
  • Create New...