Inside Range Rover: nel regno di sua maestà

Il regno è suo. Non è la più venduta nè la più potente, ma dei primati in effetti non saprebbe che farsene. Eppure quando si pronuncia la formula "regina delle SUV" il pensiero corre subito alla Range Rover. Completamente stravolta, dal punto di vista tecnico, dal 1970 a oggi, eppure incredibilmente uguale a se stessa. Nemmeno i diversi cambi societari avvenuti fino al 2008 (l'ultimo con l'ingresso di Tata) sono riusciti a scalfire il prestigio e l'autorevolezza della regina, su quel trono sin dagli anni ’60, tanto che la sua storia merita di essere raccontata con un nuovo format “Inside” di cui la Range Rover ne è la prima protagonista.


Così tutto ebbe inizio...


Non crediate che il concetto di “fuoristrada” capace di coccolare i passeggeri e di essere guidabile anche su asfalto sia recente: nasce appunto con la Range Rover nel 1970, ispirata alle americane Jeep Wagoneer e Ford Bronco. L’allora boss di Land Rover, William Martin-Hurst, si convince che per crescere e sopravvivvere, la sua azienda non possa più accontentarsi di fornire mezzi all'esercito inglese e agli agricoltori. Bisogna accontentare un nuovo tipo di clientela, clienti benestanti che cercano un veicolo robusto, in grado di avventurarsi nei campi, trainando magari un carrello con i cavalli o la barca, ma che non sia rude come la Defender. Ieri come oggi, l'imperativo è lo stesso: coniugare esigenze spesso agli anti...