Nuova MINI Clubman, ora chiamatela pure "station wagon"

Rassicuriamo subito il marketing MINI/BMW. Lo sappiamo: la Clubman non è una station wagon nel senso stretto del termine. Con tutto il buono e il meno buono che questo comporta. Il buono, va da sé, è lo status: vuoi mettere quanto è più "life style" definirsi shooting brake? Così infatti viene chiamata la Clubman da MINI, anche se le shooting brake in senso stretto sono un'altra cosa: hanno due porte soltanto, tanto per cominciare. Qui invece sono quattro e di tipo tradizionale; meno male, verrebbe da dire: la Clubdoor della vecchia generazione (presente solo sul lato destro, si apriva sbloccandola con l'apertura di quella anteriore) è stata abbandonata, a tutto vantaggio dell'accessibilità. Ancora, le dimensioni sono cresciute clamorosamente: da 3,96 a 4,25 metri di lunghezza, da 260 a 360 litri di bagagliaio in configurazione 5 posti, da 930 a 1.250 litri abbattendo gli schienali posteriori. Resta, senza pregiudicare la funzionalità e rendendo giusto merito alla storia del modello, la soluzione della doppia sponda posteriore per l'apertura del bagagliaio. La bocca di accesso non è certo tra le più ampie, né delle più vicine al suolo, ma poco male: la Clubman non vuole essere il mezzo di trasporto per il trasloco.

Più grande e "normalizzata", resta molto originale

Non c'è bisogno di vederla parcheggiata vicino al modello che l'ha preceduta: la nuova Clubman è sen...