E' stato presentato in questi giorni alla stampa specializzata un altro frutto della joint venture creata nel 1998 da Ford e PSA per la produzione di motori diesel.

E' stato presentato in questi giorni alla stampa specializzata un altro frutto della joint venture creata nel 1998 da Ford e PSA per la produzione di motori diesel. Tale collaborazione ha già prodotto il piccolo 4 cilindri common rail di 1.4 litri che equipaggia Ford Fiesta, Citroen C3, Peugeot 206 e Mazda 2, mentre stanno per essere messi in produzione altri motori a 4 cilindri di 1.6 e 2.0 litri destinati ad altri modelli dei due Gruppi. L'investimento affrontato da Ford e PSA per la realizzazione di questo nuovo motore diesel è stato dell'ordine dei 350 milioni di euro.

Il nuovo propulsore è un 6 cilindri a V di 60° con testata a 4 valvole per cilindro e distribuzione a doppio albero a camme in testa di 2.7 litri di cilindrata; omologato secondo la direttiva Euro 4, questo motore può erogare fino a 207 cavalli e una coppia massima di 440Nm.

Il nuovo V6 presenta molte delle caratteristiche dei diesel dell'ultima generazione, ma si distingue anche per diverse particolarità tecniche; il motore Ford - PSA è il primo costruito in grande serie che adotta un monoblocco fuso in ghisa grafitica compattata (CGI) materiale che consente una notevole riduzione di peso e lunghezza del motore pur garantendo un'elevata resistenza strutturale rispetto alla tradizionale ghisa; come altri diesel dell'ultima generazione anche il nuovo Ford - PSA adotta il sistema common rail cosiddetto della seconda generazione, che consente pressioni di esercizio più elevate all'interno del "flauto", dell'ordine dei 1650 bar, permettendo al contempo maggiori valori di potenza e riduzione delle emissioni inquinanti. La "Electronic Control Unit" (ECU) del motore sovrintende, attraverso 23 sensori, al completo funzionamento del motore controllando, tra le altre cose, il comando elettronico dei due turbocompressori (normalmente il turbo è azionato dalla depressione dei gas di scarico) e la disattivazione mediante apertura e chiusura di farfalle nei condotti di aspirazione per ottimizzare i flussi e le turbolenze. Dal gruppo PSA il V6 common rail eredita anche il filtro antiparticolato (qui denominato DPF - Diesel Particulate Filter), che riduce a livelli bassissimi le emissioni di particolato tipiche dei diesel.

Il nuovo motore verrà prodotto a partire dal prossimo luglio nella fabbrica Ford Diesel Business Centre di Dagenham, nel Regno Unito; la produzione a regime si assesterà sulle 150.000 unità all'anno, con possibilità di espansione a seconda delle richieste del mercato. Il modello prescelto per portare al debutto su strada questo motore è la Jaguar S-Type, a partire dal 2004; successivamente sarà adottato da altri modelli Peugeot, Citroen e Ford Motor Company.

Scheda Tecnica


Motore
6 cilindri a V di 60° doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro

Cilindrata (cc): 2720

Alesaggio e Corsa (mm): 81.0 x 88.0

Potenza (kW/hp): da 147/200 a 152/207

Coppia (Nm): fino a 440 Nm

Rapporto di compressione: 17.3 : 1

Omologazione antinquinamento: Euro 4



Articoli Correlati

- Nuovi diesel 1.6 e 2.0 Ford-PSA



Fotogallery: Nuovo V6 common rail Ford - PSA