Volkswagen Passat 2.0 TDI DPF

La Passat è il primo modello del Gruppo Volkswagen ad essere equipaggiato con l'evoluzione del recente motore 2 litri TDI da 140 cv già montato sulla multispazio Touran, sulla nuova Golf e sull'Audi A3. La nuova versione è dotata di un filtro antiparticolato DPF (Diesel Particulate Filter), installato lontano dal motore, differentemente da quanto accade di solito con i catalizzatori.

Il nuovo dispositivo costruito in acciaio inossidabile, è dotato di un filtro in carburo di silicio - una vera e propria "trappola" per le particelle - ed è costituito da due canali distinti: il primo cattura il particolato proveniente dal motore mentre il secondo permette ai soli gas di scarico di uscire. Il particolato poi viene bruciato ad una temperatura di circa 500 gradi garantendo la rigenerazione del filtro stesso e prevenendone l'intasamento; per ottenere questo processo chimico è prevista la miscelazione al carburante di uno specifico additivo a base di ferro.

Oltre a essere decisamente pulita (l'omologazione è Euro 4), la nuova Passat 2.0 TDI è anche performante: grazie ai 136 cv di potenza e ai 335 Nm di coppia massima a 1900 giri/minuto la berlina tedesca raggiunge i 211 km/h di velocità massima (205 per la Variant), accelera da 0 a 100 km/h in 9.8 secondi e consuma in media 6.1 litri di gasolio per 100 km.

Disponibile da questo mese negli allestimenti Business, Executive e Highline, la nuova Passat TDI DPF presenta il seguente listino (versione Variant):
Passat 2.0 TDI Business EURO 28.478 (EURO 29.366)
Passat 2.0 TDI Executive EURO 29.736 (EURO 30.624)
Passat 2.0 TDI Highline EURO 30.490 (EURO 31.378)

Fotogallery: Volkswagen Passat 2.0 TDI DPF