Ecco l'attesissima X Type Wagon

X-Type

In anteprima assoluta al Motorshow di Bologna 2003 Jaguar ha presentato, oltre alla versione Wagon, la gamma rinnovata della X-Type, che ne 2004 si presenta con allestimenti e finiture rinnovati per consentire una maggiore differenziazione tra gli allestimenti Classic, Executive e Sport.
Se da un lato la gamma motori resta sostanzialmente invariata con il 2.0 diesel da 130 Cv, il 2 litri V6 benzina da 156 Cv a trazione anteriore, il 2.5 litri da 196 Cv e il 3.0 litri da 231 Cv a trazione integrale, dal punto di vista delle dotazioni si trovano le novità più interessanti come le finiture in carbonio, rivestimenti in alcantara. Migliorie anche sul versante tecnico come la struttura di rinforzo denominata BOFE, che consente di riparare il paraurti anteriore a costi notevolmente ridotti in caso di impatti non gravi e, non ultimo, di avere un notevole risparmio di peso rispetto alla precedente struttura saldata.
Le versioni Sport sono ora equipaggiate con sospensioni modificate, cerchi in lega da 17" che calzano 205/50 R17 (disponibile come optional anche un nuovo cerchio in lega da 18" denominato R Performance), finiture esterne in tinta, spoiler posteriore. Gli interni, caratterizzati da una foggia particolarmente sportiva, presentano sedili avvolgenti in pelle/tessuto, e volante e pomello cambio rivestiti di pelle traforata e inserti in radica di acero scura.
Le più eleganti Executive sono equipaggiati di serie con un ampia gamma di accessori tra cui sedili anteriori elettrici rivestiti in pelle, cruise control, il climatizzatore automatico e computer di bordo con centro messaggi.

S-Type

La gamma, rinnovata nel corso del 2002, offre un ampia scelta di motorizzazioni, a partire dal 2.5 V6 da 200cv passando per il 3.0 V6 da 238cv fino ad arrivare ai due V8 da 4.2 litri da 298cv e 395cv (quest'ultimo equipaggia l' aggressiva versione "R"), in attesa dell'ormai prossimo debutto del diesel V6 da 2.7 litri progettato e costruito in collaborazione con il Gruppo PSA.

XJ

Una delle caratteristiche che contraddistingue l'ammiraglia di Casa Jaguar, la XJ, dalla maggior parte delle vetture della concorrenza, è la sua avanzata costruzione della carrozzeria in alluminio. A differenza di Audi Jaguar ha utilizzato per prima un'architettura leggera in alluminio su una struttura della carrozzeria monoscocca convenzionale, sviluppando una vettura che è più grande, in ogni aspetto, del modello che ha sostituito e che ha più funzioni e tecnologie di assistenza alla guida, e soprattutto, pesa circa 200 kg in meno della generazione precedente.
Sulla nuova XJ sono disponibili quattro motori, sviluppati presso lo Jaguar Engineering Centre di Whitley, a Coventry, e tutti accoppiati con un cambio automatico ZF a sei marce. Il motore 3.0 litri V6 della nuova XJ è quello montato già su S-TYPE e X-TYPE. Un motore 3.5 litri V8 da 258 Cv è quello d'entrata alle motorizzazioni V8 della XJ, mentre i 4.2 litri V8 da 298 CV e da 395 Cv sovralimentato equipaggiano i modelli al top della gamma.

XK8 e XKR

Il model year 2003 delle coupè e convertibile della serie XK porta al debutto una serie di equipaggiamenti denominati R Performance (disponibili sia sulla XKR sia sulla XK8) che comprendono sedili Recaro, freni Brembo ad alte prestazioni (di serie sulla XKR) ed una serie di componenti interni con finiture sportive in alluminio e pelle. E' anche disponibile, solo per i modelli coupè, un handling-pack che potenzia sospensioni e sterzo.
I motori della XK sono due 4.2 litri V8, uno aspirato e l'altro sovralimentato. Entrambi sono stati sviluppati sulla base dei precedenti 4.0 litri; la maggiore cilindrata ed il conseguente aumento della potenza e della coppia rendono le prestazioni della XK ancora più briose. Con la XK8 aspirata che eroga ora 298 Cv e la XKR sovralimentata che dispone di ben 395Cv, si sono rafforzate le credenziali della XK in fatto di prestazioni. I nuovi motori, infatti, sono più potenti dei loro predecessori rispettivamente del 3,5 e dell'8,1%. Altrettanto significativi gli incrementi della coppia. La coppia massima del 4.2 litri V8 aspirato è ora di 411 Nm a 4.100 giri/minuto, mentre il motore sovralimentato raggiunge un picco di 541 Nm ad appena 3.500 giri/minuto. A questi propulsori è stato accoppiato un cambio automatico a sei marce di ultima generazione, prodotto dalla ZF.
Unitamente a ciò la XK garantisce una tenuta rigida unita a manovrabilità e precisione dello sterzo essenziali per una vettura sportiva. La XKR monta di serie l'apprezzato sistema computerizzato di controllo attivo delle sospensioni Jaguar (CATS), già disponibile sulle berline S-Type e XJ, un sistema elettronico che combina le molle potenziate per incrementare la rigidezza al rollio con ammortizzatori a due stadi per ottimizzare il comfort di marcia.


Fotogallery: Jaguar al Motorshow di Bologna