Lancia si rilancia!

Lancia si rilancia. E' un titolo scontato, considerando che nel giro di due anni la nobile Marca Torinese ha dato prova di voler rimanere sul mercato ancora come protagonista, a dispetto degli osservatori più scettici e di un mercato che tende ad essere sempre più selettivo e quindi difficile. Thesis, Phedra, Nuova Ypsilon ed ora la Musa, ultima nata della famiglia. Una nuova monovolume che in poco meno di 4 metri di lunghezza per m. 1,7 in larghezza e m. 1,660 in altezza, si propone come una super wagon pronta ad accogliere fino a 5 passeggeri garantendo per 4 di essi un posto, come dire, più che nobile. Non a caso la pubblicità della Musa enfatizza questa peculiarità, elevando i passeggeri al ruolo di ospiti. Una forma indiretta per ribadire che i medesimi, a bordo, si troveranno a proprio agio, sia con la vettura in movimento, sia durante le soste generate da code forzate. Una condizione quest'ultima da non sottovalutare (date le condizioni del traffico) che rafforza il concetto dell'atmosfera di convivialità che si respira a bordo, favorita dalla cura dei dettagli oltre che dall'ergonomia diffusa. Ciascun passeggero al proprio posto avrà modo di apprezzare il confort di marcia della vettura, la panoramicità garantita dalle superfici vetrate ( come optional c'è anche lo sky dome riservato al modello platino), godendo al contatto tattile con i materiali di rivestimento e per l'abbinamento dei colori in armonia con quelli della livrea esterna. Significativo il fatto che nella gamma dei 12 colori sia compreso anche il marrone denominato Pejrano associato al celebre cioccolato. Legittima la domanda: la Musa è una vettura elegante o gustosa? Battuta a parte, la neonata di casa Lancia rientra a pieno titolo nel segmento "premium" frequentato da vetture dotate di alcuni valori aggiunti.

La prova: Abbiamo avuto modo di provare la Musa sulle strade attorno a Conegliano Veneto lungo un percorso in parte autostradale e in parte collinare privilegiando le due motorizzazioni multijet, 1.3 JTD e 1.9 JTD. Una scelta mirata, giustificata dal fatto che essendo la vendita delle vetture diesel in continua crescita (l'ultimo dato fornito dal mercato indica il 57%) ragionevolmente la maggioranza dei nostri lettori, potrebbe essere più orientata all'acquisto di un propulsore diesel.
Della "pétite" la 1.3 JTD 4 cilindri 51 KW (70 CV) di potenza massima a 4000 giri/min, abbiamo aprrezzato la silenziosità favorita da una buona insonorizzazione del vano motore. La manovrabilità del cambio manuale a 5 marce e una soddisfacente elasticità del propulsore che riprende bene anche dai bassi regimi favorito da una buona coppia. E' pur vero però che l'effetto positivo di tale coppia si ridimensiona, come è logico che sia, in presenza di più persone a bordo o di un carico di bagagli cospicuo. Del resto la stessa velocità di punta (km/h 159) non gratifica come meriterebbe le legittime velleità espresse anche epidermicamente dal concept della vettura. Si intenda, dai suoi stilemi che ci riconducono al concetto del segmento premium. Da segnalare la presenza della versione dotata di cambio automatico e sequenziale a scelta del guidatore, denominato scherzosamente DFN "dolce far niente".
Analisi totalmente diversa emerge per alla versione 1.9 JTD. 4 cilindri cambio a 5 marce. Qui infatti i numeri salgono: la potenza massima registra 74 KW (100 CV) a 4000 giri/min, decisamente più adeguata al tipo di vettura.La guidabilità di entrambe le versioni è comunque appagante. La stessa velocità di punta, Km/h 179, sottintende una risposta più consona alle attese anche nel mantenimento di buone medie nei viaggi lunghi. Obiettivo raggiungibile senza penalizzare se non di pochissimo i consumi di gasolio: ciclo extraurbano l. 4,8 per 100 Km. contro l. 4,5 della "pétite", mentre nel ciclo urbano l. 5,5 contro l. 5,1 del propulsore 1.3 JTD.
La Musa viene proposta anche con un propulsore benzina 1.4 16 valvole con cambio a 5 marce manuale o DFN automatico. Su tutte le versioni le sospensioni anteriori sono di tipo McPherson, quelle posteriori ad assali torcenti.
Sul mercato italiano la vedremo a partire dal prossimo settembre.

Fotogallery: Lancia Musa