svedese per gli americani

Anche Saab si da ai SUV, e lo fa presentando all'International Auto Show di New York la versione definitiva della 9-7X.

Con questo modello, la Casa svedese si indirizza verso uno dei segmenti di mercato in maggiore evoluzione, quello dei SUV Mid-Luxury passato dal 1997 al 2003 da 50.000 a 290.000 unità annue, con una previsione di ulteriore incremento fino a 400.000 unità entro la fine di quest'anno. Una scelta commerciale che per quanto possa far storcere il naso hai "Saabisti" piu' conservatori, deriva da alcune approfondite ricerche di mercato svolte dalla casa negli States: il 39 % dei clienti Saab negli USA posseggono attualmente un SUV e il 30 % dei clienti Saab che abbandonano il marchio lo fanno per acquistare una SUV quattro porte.

L'auto è stata sviluppata sull'architettura GMT360 di General Motors, sulla quale nascono e nasceranno diversi Sport Utility del Gruppo americano. Inutile dire che quest'esigenza ha obbligato i progettisti ad accettare diversi compromessi sia a livello tecnico che stilistico. Compromessi visibili innanzitutto per l'abitacolo dove si respira un aria molto GM per stile e componentistica... Sono state comunque preservate alcune peculiarità di dettaglio tipiche del brand svedese, come la chiave di accensione posizionata sul tunnel centrale dietro alla leva del cambio o le bocchette dell'impianto di climatizzazione che si rifanno ad un disegno di ispirazione aeronautica. Inoltre i controlli e il corpo centrale del pannello strumenti sono angolati verso il guidatore mentre la consolle centrale confluisce verso il pannello strumenti. Lo spazio a bordo e tanto come pure la capacità di carico dichiarata a 1.161 litri con il sedile posteriore alzato e a 2.268 litri con il sedile abbassato. Il divano posteriore risulta frazionabile 65/35 ed è di serie insieme ad un gancio di traino con una capacità massima per il V8 è di 2.948 kg.

Con un passo di 2.869 mm ed una lunghezza complessiva di 4.912 mm, esternamente, la 9­-7X riesce a riflettere il carattere sportivo del marchio grazie ad un frontale molto aggressivo dominato dalla calandra a tre lobi. La vetratura laterale oscurata, contribuisce invece a snellire la visione di profilo dove spicca comunque il terzo montante verniciato a vista, come su 9-2X e 9-5 Wagon. Il resto lo fanno i passaruota particolarmente pronunciati e i pneumatici radiali rigorosamente extra large (255/55R18 all-season firmati Dunlop).

Per ottimizzare il piacere di guida, sono state adottate soluzioni tecniche piuttosto sofisticate soprattutto a livello di sospensioni. La 9-7X utilizza infatti una molla anteriore a spirale corta, e ammortizzatori posteriori 5­link ad aria, controllati elettronicamente, a doppio braccio. I pneumatici e l'assetto ribassato, insieme ad un più ridotto rapporto di demoltiplicazione dello sterzo (18.5:1), dovrebbero invece garantire un ottima sensibilità nella conduzione dell'auto.

Le prestazioni della trazione integrale sono state potenziate grazie a un differenziale posteriore autobloccante a slittamento limitato. I freni sono a disco autoventilati sulle quattro ruote, con pinze anteriori in alluminio e ABS. Si può scegliere tra due motori interamente in alluminio con trasmissione automatica a quattro rapporti controllata elettronicamente. Il motore da 4,2 Litri eroga 275 CV (205 kW) a 6.000 giri/min, con una coppia di 372 Nm a 3.600 giri/min, mentre il V8 da 5,3 Litri ha una potenza di 300 CV (224 kW) a 5.000 giri/min e una coppia massima di 447 Nm a 4.000 giri/min. Al momento non si parla ne di turbo ne di unità a gasolio, indispensabili a nostro parere per vendere anche nel Vecchio continente.

A livello di sicurezza la Saab 9­-7X offre di serie airbag frontali a doppio stadio, un sistema di rilevamento per la protezione antiribaltamento, airbag laterali e cuscini antiurto per le ginocchia.

La Saab 9-­7X si posizionerà nella fascia di prezzo premium (quella di Bmw X5, Volvo XC90 e Mercedes Classe ML) con un listino che per il mercato americano oscillerà tra i 37.000 e i 45.000 dollari. L'inizio della produzione a regime è previsto per gennaio 2005, presso lo stabilimento di Moraine di GM, in Ohio; le prime auto saranno messe in vendita nel primo trimestre dello stesso anno.

Fotogallery: Saab 9-7X