Peugeot 206 1.6 HDi FAP

Dal 1998 ad oggi le Peugeot 206 immatricolate nel nostro paese sono state 420.000, numeri importanti per una vettura che ha saputo trascinare un intero marchio e che negli anni difficili ha portato soldi, fiducia e la possibilità di studiare nuovi prodotti.

Consci di questa grande personalità, in Peugeot non ci pensano proprio a sostituire l'Enfant Terrible con un nuovo modello. Qualcosa viene accennato in conferenza stampa, ma il tono usato induce a pensare a tempi lunghi, a progetti ancora in fase di sviluppo.
Tuttavia, questo non deve indurre a pensare che il mercato non richieda continue migliorie e aggiornamenti: per tenere il passo delle concorrenti, ad esempio, è necessario dieselizzarsi prepotentemente, con una gamma completa e motori sempre più prestazionali e parchi nei consumi.

In tal senso ecco arrivare il 1.6 HDi 16v FAP, motore moderno, molto brillante e che, grazie alla ridotta cilindrata, garantisce anche costi di gestione molto interessanti.
Altra importante miglioria riguarda la manutenzione del filtro antiparticolato: la sostituzione dello stesso è stata ora "ritardata" ai 120.000 Km rispetto agli 80.000 km del FAP di prima generazione e si parla di ben 240.000 km per la prossima evoluzione attualmente allo studio.

Il nuovo motore 1.6 16V HDi FAP viene proposto sulle versioni:
XS (tre porte ed SW), che abbina look sportivo al comfort di guida;
XT (tre/cinque porte), più elegante ed accessoriata
GTi (tre porte ed SW), dal temperamento grintoso;
Ciel (cinque porte), elegante e raffinata con l'esclusivo tetto panoramico in cristallo.
Ad esse si aggiungerà, a fine giugno, la serie speciale Rouge&Noir berlina tre porte ed SW.

Presente anche nelle gamme 307 e 407, nonché in diverse vetture del gruppo Ford, partner nello sviluppo, questo 1.6 HDi FAP deriva direttamente dall'unità DV4 che equipaggia la 206 1.4 HDi.
Con una cilindrata di 1.560 cm3 eroga una potenza massima di 80 kW a 4.000 g/min ed una coppia massima di 240 Nm a 1.750 g/min, che può salire fino a 260 Nm grazie alla funzione «overboost» attivata quando il propulsore è a pieno carico, tra 1.500 g/min e 3.750 g/min.
Come logico aspettarsi, a dati tecnici simili fanno eco prestazioni di primo livello: con una velocità massima di 190 km/h (berlina e SW) e una accelerazione di 9,9 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h (10,5 per la SW) questo 1.6 HDi si propone come diesel più prestazionale, scalzando il 2.0 HDi da soli 90 cv, nonchè il benzina 1.6 16v da 109 cv.

Nei dintorni di Mulhouse, poco lontano da Basilea, abbiamo avuto l'occasione di saggiare le doti di questa interessante 206 vitaminizzata.

Fin dai primi metri la vettura trasmette un senso di prontezza molto piacevole. Il volante abbastanza duro e i sedili profilati (eravamo a bordo di una GTi) non lasciano dubbi sulle potenzialità di questo motore. Il cambio a 5 marce dai rapporti ben spaziati segna inesorabilmente le capacità dinamiche del motore: le prime tre marce sono brillanti e molto rapide a salire di giri garantendo ottime prestazioni anche in salita. Quarta e quinta sono invece più lunghe, quasi un doppio overdrive: una scelta sicuramente molto azzeccata che permette di contenere i consumi ma allo stesso tempo divertirsi senza esagerare con la velocità.

La tenuta di strada è sempre buona, merito dell'assetto "adeguato" e al sempre vigile ESP.
Come le altre 206, anche quelle equipaggiate con l'HDi 1.6 dispongono di sospensioni a quattro ruote indipendenti che integrano un avantreno di tipo pseudo McPherson triangolato con barra antirollio disaccoppiata ed un retrotreno a bracci tirati solidale ad una traversa, con due barre di torsione e una barra stabilizzatrice.

La GTi da noi provata montava di serie cerchi in lega da 16" con pneumatici 205/45 R16 V, mentre le altre 206 1.6 HDi sono equipaggiate con cerchi da 15" (in lega leggera su XS per gomme 195/55 R15 H).
I freni, gli stessi della berlina GTI 2.0 litri, comprendono quattro dischi, di cui due anteriori ventilati (266 mm di diametro e 22 mm di spessore), e due posteriori pieni (247 mm di diametro e 8 mm di spessore), con pinze a un solo pistoncino, con un diametro di 54 mm sull'anteriore e di 30 mm sul posteriore.
Restando in ambito sicurezza da segnalare la completa dotazione di tutte le versioni equipaggiate con il 1.6 HDi che dispongono di ABS con EBD, ESP, cinture di sicurezza con pretensionatore, sedile regolabili in altezza, sbloccaggio automatico delle porte in caso d'urto, alzacristalli anteriori elettrici climatizzatore e fendinebbia.

Parlando infine di prezzi la "nostra" GTi è proposta a 17400 euro, cifra intermedia tra i 15900 euro della entry level XS 1.6 HDi FAP ed i 18750 euro della GTi in versione Sw.

Fotogallery: Peugeot 206 1.6 HDi FAP