Peugeot 1007

L'innovazione automobilistica assume da oggi per Peugeot una connotazione tutta nuova, poiché l'ultima nata aggiunge un "carattere" in più alla nomenclatura che da sempre contraddistingue i modelli dalla casa del Leone.

La novità in questione è Peugeot 1007 sigla stranamente formate da quattro caratteri anziché tre, questo "zero" in più sta appunto a significare che la concept-car proposta inizialmente da Pininfarina è diventata oggi una realtà di mercato e che a breve entrerà in produzione nello stabilimento PSA di Poissy.

Il progetto "milleesette" è stato parecchio "coccolato" dalla casa francese la quale, con un investimento di 560 milioni di Euro ha dato il via alla produzione che vedrà l'immissione sul mercato mondiale di 130.000 unità annue.

Anticipare le necessità della clientela è stato per Peugeot un obbiettivo primario, conseguentemente su 1007 tutto è stato studiato per diminuire il micro-stress che quotidianamente affligge gli utenti della strada.
In appena 3.73 metri la casa d'oltralpe ha voluto concentrare innovazioni costruttive di molto interessanti, alcune mai viste prima su vetture di questo segmento.

Di grande impatto è senz'altro il rivoluzionario sistema di apertura/chiusura delle due portiere laterali scorrevoli, sistema denominato Sésame, caratteristica questa volta a incrementare la praticità della vettura a 360°, specie in ciclo urbano ed in fase di parcheggio magari tra due veicoli.

Ovviamente come ben ci si aspetta da una vettura francese lo spazio interno e la sua modularità sono stati oggetto di accurati studi da parte dei progettisti che non hanno sistemato vani portaoggetti e scomparti nascosti in moltissime zone della vettura.

I posti comodi sono quattro ma le possibili disposizioni dei sedili sono molte di più. Se le dimensioni dell'abitacolo in altezza sono generose, tanto non si può dire del bagagliaio che tra l'altro ha una soglia di carico da terra abbastanza alta. Il discorso cambia se i due sedili posteriori vengono prima abbattuti poi ribaltati; in tal caso il volume di carico è più che abbondante per due.

La linea esterna di 1007 è quella di un moderno "minispace", ma anche in questo caso il "family-feeling" della casa rimane marcato, infatti il frontale ricorda da vicino la grande presa d'aria e i gruppi ottici "con gli occhi a mandorla" da poco visti sulla nuova 407. Nella vista laterale invece è apprezzabile notare come il montante centrale sia più arretrato rispetto ad una vettura normale, consentendo quindi un più facile accesso per i passeggeri posteriori che hanno a disposizione ben 920mm di larghezza.

Per quel che concerne gli interni, numerose sono le novità di stile presenti, anche se le somiglianza con le cugine Citroen sono assai marcate. Ricco è l'equipaggiamento di serie che, soprattutto sul fronte della sicurezza, offre sistemi elettronici come ABS, ESP e ben sette air-bag .
Rimanendo nell'abitacolo una simpatica curiosità è rappresentata dal concetto "Caméléo", il quale offre la possibilità di personalizzare gli allestimenti interni intercambiando ben 18 parti con 12 varietà di tessuti e colori.

Sotto il profilo delle motorizzazioni tre sono i propulsori disponibili, due benzina un 1.4 da 75 cv e un 1.6 da 110 cv, e uno a gasolio, il noto 1.4 HDI da 70 cv.

La trasmissione è manuale a cinque rapporti o automatica-sequenziali offerta dal nuovo sistema 2 Tronic (solo per motori benzina), già visto su Citroen C2 e C3.

Con "milleesette" Peugeot punta sicuramente in alto, cercando di abbracciare un ventaglio di utenza estremamente variegato ma anche attento alle mode ma soprattutto alle necessità della quotidianità urbana.

La commercializzazione è prevista ad iniziare dal primo trimestre 2005 con prezzi a partire da circa 13/14.000 EURO.

Fotogallery: Peugeot 1007