Aston Martin AMV8 Vantage

"La AMV8 Vantage è un'auto sportiva molto avanzata che offre un'integrità strutturale e una rigidità torsionale di alto livello"; Questo è quanto dice Jeremy Main, direttore della produzione Aston Martin. Ma "Sir Jeremy" ha scordato l'elemento forse più importante che caratterizza in maniera inequivocabile la nuova creatura della casa britannica: l'aspetto. Già, non c'è santo che tenga, la AMV8 è prima di tutto un'auto bellissima. Certo, si parla di caratteristiche tecniche interessantissime, di tanti cavalli sotto il cofano e di prestazioni eccitanti... ma la cosa che maggiormente fissa nella mente quest'auto è il suo aspetto seducente come e più di quello di una bellissima top-model. Quando si incontra per strada un'auto sportiva, spesso le prime parole che seguono l'iniziale "oh!" sono rivolte alla potenza del motore e al pauroso scatto sullo 0/100, ma non è certo il caso della AMV8. Non è un'auto che ha bisogno delle squillanti tinte di una 911 Tech-Art per stupire, decisamente no. Osservatela attentamente e i vostri occhi resteranno rapiti dalla perfezione delle sue forme, dalle splendide proporzioni e dall'incredibile armonia con la quale classe ed eleganza si fondono con un'immancabile dose di discreta aggressività.

Attesa per il 2005, la AMV8 sarà un'auto chiave per l'Aston Martin. Tra le altre cose sarà il primo modello a impiegare la nuova piattaforma in alluminio VH (Vertical-Horizzontal) che farà da base per tutti i futuri modelli AM. Nonostante rappresenti un modello da grandi numeri, relativamente parlando, verrà prodotta con cura artigianale nel nuovo stabilimento di Gaydon, nel Regno Unito e manterrà inalterate alcune delle caratteristiche principali di ogni Aston Martin tra cui la personalizzazione. Tanto i colori quanto i dettagli delle rifiniture interne saranno selezionabili a piacimento dal fortunato acquirente, anche se, ad essere sinceri , non è certo un'auto che ha bisogno di accostamenti cromatici particolarmente ricercati per far girare la testa.

Con una lunghezza di 4,3 metri e una altezza di meno di 1,3 metri, la AMV8 ha un'auto in particolare nel mirino: la Porsche 911. Sarà all'altezza della sfida? Se il duello fosse basato solo sullo stile, beh, non sarebbe di certo necessario aspettare le prime dichiarazioni ufficiali riguardo le prestazioni della "baby Aston". La casa inglese al momento ha dichiarato solamente che la sua nuova creatura sarà mossa da un inedito V8 da 4,3 litri interamente in alluminio. E' facile immaginare, per la versione di punta denominata Vantage, una potenza di almeno 400cv, più che sufficienti se la massa in ordine di marcia sarà, come dichiarato, pari a 1500kg.

Il layout meccanico prevede, come per la bellissima DB9, il motore in posizione anteriore-centrale e lo schema transaxle, cioè con il cambio in blocco con il differenziale posteriore, una soluzione che fa a pugni con il caratteristico schema da sempre simbolo della rivale di Stoccarda, con il motore a sbalzo sull'asse posteriore e una ripartizione dei pesi fortemente sbilanciata sul retro. L'impostazione scelta per la AMV8 dovrebbe garantire un'ottimale distribuzione dei pesi 50-50 tra asse anteriore e posteriore a tutto vantaggio dell'handling.

Sebbene non si tratti di un'auto sviluppata appositamente per registrare nuovi record al Nurburgring, le caratteristiche della nuova "piccola" Vantage fanno decisamente ben sperare. Con un ipotetico rapporto peso-potenza, calcolato probabilmente per difetto, che prevede meno di 4kg per ogni cv, l'inossidabile 911 farà bene a correre in palestra per dare una rinvigorita ai suoi giovanissimi muscoli.

Fotogallery: Aston Martin AMV8 Vantage