la piccola di casa

La gamma della spider BMW Z4, si estende verso il basso.

Dal prossimo Aprile, ad affiancare le già conosciute sei cilindri di 2.2, 2.5 e 3 litri, ci sarà una quattro cilindri da 2 litri e 110 kw. Appartenente all’ultima famiglia di propulsori bavaresi, il 2 litri, con cambio a sei rapporti, è dotato di doppio variatore di fase continuo VANOS e di sistema VALVETRONIC. La raffinata gestione elettronica, si occupa dell’erogazione e permette al piccolo della gamma Z4 di confondersi con i più prestigiosi motori dal frazionamento maggiore. I valori di coppia massima, 200 Nm a 3600 rpm, ne confermano l’indole, tutt’altro che ruvida. Le prestazioni, seppur non eccezionali, sono discrete. Con 8,2" nello 0-100 e nel passaggio 80-120 e 220 km/h di velocità massima, la Z4 due litri non eccelle, ma ottiene comunque un risultato pregevole ed equilibrato, perfettamente allineato alle caratteristiche della vettura e del propulsore.

Nella 2000, ritroviamo tutti pregi delle Z4 più grandi, a partire dalle ottime doti del telaio, che garantisce la massima protezione agli occupanti (la scoperta di Monaco è la migliore nella categoria, secondo lo standard NCAP), e un ottima sicurezza dinamica, grazie anche ai sistemi elettronici di assistenza.

La BMW prevede che il trend positivo di vendite, che ha caratterizzato la propria spider, commercializzata in oltre 100.000 esemplari, possa continuare anche nei prossimi anni, grazie anche all’allargamento della gamma.
L’appuntamento con la Z4 2.0 è fissato prima al Salone di Ginevra e poco dopo, prevedibilmente a metà maggio, in tutti i concessionari di Europa e Asia.

Fotogallery: Bmw Z4 2.0