oltre l’impossibile

Ci eravamo quasi abituati ad andare a far la spesa in kart e, neanche a dirlo, Radical propone una nuova e, se possibile, ancor più estrema "creatura".
Appena presentata all’Autosport di Birmingham, questa SR8 sembra proprio intenzionata a dare un nuovo significato a parole come brivido o emozione. Estrema Emozione.
L’entusiasmo dimostrato dal mercato per i modelli SR3 e SR4 (ovviamente poporzionalmente alla tipologia di vettura), ha dato vita in poco meno di un anno alla più azzardata evoluzione della celebre barchetta, in questa veste spinta da un propulsore tutto nuovo, il V8 Macroblock di 2600cc da 380cv.

I tratti distintivi sono sempre gli stessi. Anche SR8 è immatricolabile per uso stradale così come, allo stesso modo, ritroviamo il caratteristico telaio tubolare in acciaio derivato dalla SR3, di estrema rigidità e con rollbar integrato, omologato FIA.

Sempre sul fronte dell’ossatura, va detto che permangono, di serie, il crash box anteriore e le barre anti-intrusione laterali. Cinture di sicurezza a 6 punti, per garantire la massima sicurezza passiva.

Come accennato poc’anzi, la nuova scoperta di Radical è mossa da un inedito motore Powertec Macroblock di 2600cc per 380cv che, alla bilancia, ferma l’ago a soli 90 kg!!! Quest’unità interamente disegnata e realizzata dal reparto motoristico Powertec della Radical Motorsport Ltd, rappresenta una nuova frontiera di propulsori ultra compatti e leggeri, ma allo stesso tempo potenti, affidabili e in grado di girare a 10.000 giri al minuto, sviluppando, in questa configurazione circa 380cv.

Tra le caratteristiche distintive troviamo la lubrificazione a carter secco integrato, mentre la trasmissione è affidata ad un leggerissimo (solo 30kg) cambio Quaife a 6 marce, sequenziale con differenziale autobloccante integrato.

Con un rapido calcolo, troviamo subito qual è la vera forza di SR8, il peso, di poco superiore ai 550 kg della già peso-piuma SR3.
La carrozzeria è stata interamente disegnata in base agli studi condotti nella galleria del vento, che hanno portato alla creazione e applicazione di un fondo piatto lavorato con effetto Venturi e di un’ala posteriore, entrambi estremamente efficaci.
I flussi studiati hanno permesso di generare un carico specifico di 750 kg: in poche parole, considerato il pilota e il pieno di liquidi, la SR8 potrebbe essere guidata anche sul soffitto di un ipotetico tunnel: un bel modo di risparmiare qualcosa in effetti speciali nelle prossime produzioni di Hollywood.

Un dato sopra gli altri: 2,1 g di accelerazione laterale... e qui non vorrei aggiungere altro... a parte ovviamente i 3 sec. scarsi sullo 0-100km/h e gli oltre 300km/h di velocità massima (variabile a seconda dei rapporti montati).

Di serie l’assetto è totalmente regolabile con ammortizzatori e molle AVO e barra antirollio specifica, mentre, i freni sono a disco flottanti e autoventilanti da 280mm.

La lista delle personalizzazioni risulta, come al solito, lunghissima: è abitudine Radical! Colorazioni speciali, freni maggiorati, assetti gara, fari allo xeno, alettoni maggiorati biplano, impianti estinzioni, carrozzeria in carbonio sono solo alcuni degli accessori disponibili.

Se pensate che le sorprese siano terminate qui, sappiate che alla Powertec sono al lavoro per presentare al più presto una evoluzione 3000cc da quasi 500cv, indi per cui... alta la guardia!

La Radical SR8 è importata in esclusiva per l’Italia dalla UKGARAGE di Milano, con prezzi a partire da 108.000 euro, Iva compresa.

Fotogallery: Radical SR8