Due proposte della Carrozzeria Castagna

Non è facile riconoscere "una buona macchina". Certamente contano le caratteristiche meccaniche, la qualità costruttiva, l'efficienza, l'affidabilità. Ma non solo. Da un altro punto di vista, più tecnico, una buona macchina si riconosce anche dalla "duttilità" del progetto, dalla capacità di adattarsi agli usi ed agli allestimenti più disparati. Se guardiamo le cose in quest'ottica, al mondo ci sono state due "buone macchine", ma veramente "buone". Una è certamente la Volkswagen, il Maggiolino, tallonata da un'altra pietra miliare: la Mini.
L'Auto del Popolo s'è affermata soprattutto grazie alla caratteristica del telaio portante, su cui poteva essere montata una gamma pressoché infinita di carrozzerie. La piccola inglese, invece, relativamente è andata ancor più a segno. Nonostante la scocca autoportante, della Mini sono esistite numerose versioni: la due volumi, tipica, poi le versioni tre volumi, la Moke, la cabrio e la Clubman, senza dimenticare le splendide "declinazioni" Cooper. Insomma una "gran macchinetta"... Replicata mirabilmente dall'attuale.

Purtroppo la Casa Madre non ha previsto per la nuova Mini tante varianti di carrozzeria, ma a difendere la tradizione ci pensa la Carrozzeria Castagna di Milano. Dopo aver esposto le eredi della Clubman, denominate Wagon, Woody e Suwagon, quest'anno l'atelier meneghino sviluppa ulteriormente il tema Mini con la Crossup e la Tender

La prima è una particolare versione allungata, tre volumi, che, all'abitacolo di dimensioni normali associa un piccolo vano posteriore. Il terzo volume, però, è privo di copertura e fa della Crossup praticamente una Mini pick-up. La caratterizzazione estetica si affida a particolari inserti in legno, posteriormente, e a sovrastrutture che ne esaltano l'aggressività. Ci sono codolini sui parafanghi, un piccolo roll-bar posteriore e dei predellini, il tutto in chiave molto "off-road", come suggeriscono anche il bull-bar anteriore, con fari antinebbia, l'assetto rialzato e la gommatura particolare.

Di tutt'altro tono la Tender, che richiama alla tradizione tutta italiana della "spiaggetta", la piccola auto ideale per il percorso "villa-spiaggia". Con l'intento di rinverdire una moda nata negli anni Cinquanta, e morta il decennio successivo, la Carrozzeria castagna ha realizzato un bellissimo motoscafo da strada, dall'aria raffinata, caratterizzato da rifiniture in Teck. La capote in tela, che conserva la stessa struttura del tetto della Mini Cabrio, sfoggia un particolare tessuto Missoni.

Spazio va riservato agli accessori, disponibili per queste due particolarissime Mini. Se la Crossup propone un particolare frigobar, studiato per rinfrescare piccoli drink e umidificare alla perfezione un bel cubano, la Tender sfoggia un potente impianto audio da 200 watt, con diffusori resistenti all'umidità, "adatto per feste sulla spiaggia" e un serbatoio d'acqua da 30 litri con rubinetto, sempre utilissimo in spiaggia. E poi, tavolini da pic-nic, bici superleggere, set di valige...

Insomma, da Castagna giunge un segnale forte, un richiamo inequivocabile ad un modo di vedere l'automobile meno freddo, quasi "ludico". E soltanto l'inventiva di un marchio storico del "made in Italy" poteva regalarcelo.

Fotogallery: Mini Crossup e Mini Tender