Perde due porte ma acquista ben 14 centimetri. Sembra semplicistico definire così una vettura ma in questo caso specifico il fattore dimensioni gioca un ruolo fondamentale. Nel bene e nel male.
La 407 Coupè, ultima nata tra le Granturismo Peugeot, segue a distanza di circa un anno le sorelle berlina e SW con le quali condivide meccanica e carattere.

Forte il richiamo alle coupè del Leone del passato, in special modo con la sorella diretta, la 406 coupè, vero gioiello di design ancora oggi di grande attualità. Con la 407 si è deciso di scegliere una strada leggermente diversa, la vettura ricalca più fedelmente lo stile della berlina da cui deriva, puntando però più sulla comodità e il piacere di utilizzo. A 4,815 m di lunghezza corrisponde una massa a vuoto che può arrivare fino al ragguardevole valore di 1800 Kg, più granturismo che sportiva insomma.

Proprio in quest'ottica la Coupè sarà la prima delle 407 ad essere equipaggiata con il V6 2.7 HDi FAP da 205 cv e 440 Nm a 1900 giri/min. finora riservato solamente alla 607, l'ammiraglia. In questo modo non è difficile ipotizzare proprio in questa coupè una possibile alternativa alla grande di casa. In fin dei conti le comodità non mancano, internamente lo spazio abbonda e i gadget tecnologici anche, difficile quindi non cedere alle lusinghe di un design molto più fresco e attuale.

Il resto della gamma comprende altre 2 motorizzazioni, entrambe a benzina. Parliamo del 2.2 16V da 163 cv e 220 Nm a 4150 giri/min (versione dichiaratamente indicata come tranquilla) e il 3.0 24V da 211 cv e 290 Nm a 3750 giri/min, ideale alternativa al quasi scontato 2.7 HDi.

Strutturalmente, come detto, cambia poco rispetto alle altre 407. L'altezza da terra è stata ridotta grazie ad un abbassamento delle molle anteriori di 10 mm e di quelle posteriori di 23 mm. Inoltre risultano modificati avantreno e retrotreno, irrigiditi, e supporti d'attacco, ora più corti. Sulle versioni sei cilindri troviamo di serie la gestione elettronica indipendente dei singoli ammortizzatori: il programma consente di scegliere tra "Auto" e "Sport". Anche lo sterzo, sempre sulle sei cilindri, dispone di assistenza idraulica variabile continua. Unico è invece il sistema frenante caratterizzato da dischi anteriori ventilati da 330 mm e posteriori pieni da 290 mm.

Su strada la 407 Coupè soffre solamente il peso. Difficile trovare pecche ad un abitacolo accogliente e ottimamente insonorizzato, una posizione guida bassa ma non distesa e una strumentazione chiara e non affaticante. Cosa chiedere di più? Il peso invece un pochino penalizza le doti dinamiche della vettura. Le doti di coppia del 2.7 HDi, assistito da un automatico a 6 rapporti, riescono a garantisce brillantezza e uno spunto notevole, diversamente invece il 3.0 a benzina non assicura la stessa sensazione di potenza, a fronte di prestazioni comunque molto simili. Si tratta quindi di una sensazione più che di un valore assoluto, ma si sa che nel traffico una vettura non la si giudica con il cronometro... A questo si somma il fatto che a parità di prestazioni il benzina consuma molto di più, scendendo a circa 5 Km con un litro quando si cercano le prestazioni. Scontato quindi assegnare la vittoria all'HDi che, tra l'altro, costa la stessa cifra a parità di allestimento.

Parlando proprio di allestimenti la 407 Coupè è disponibile in 2 differenti configurazioni: Tecno, già completa di quanto serve per sicurezza e confort, e Feline, dotata tra l'altro di navigatore RT3 con telefono, interni in pelle con sedili a regolazione elettrica, sensori di parcheggio anteriori e posteriori e proiettori direzionali.

Il prezzo, sicuramente l'aspetto meno entusiasmante di questa azzeccata Granturismo, parte da un minimo di 29.800 € per la 2.2 16V Tecno fino a raggiungere i 42.040 € per le 3.0 24V AUT. SEQ. e 2.7 24V FAP AUT. SEQ. entrambe in allestimento Feline. Per chi invece volesse spendere un po' meno, (ma si tratta di una semplice supposizione...), converrà aspettare l'arrivo del nuovo 2.2 HDi, soluzione intermedia sicuramente vincente che molto probabilmente debutterà proprio sulla 407 Coupè.

Fotogallery: Peugeot 407 Coupè