dopo la Tigra...

L'idea delle cabrio-coupé piace molto in Casa Opel e dopo "l'applicazione Tigra" non poteva che toccare alla best seller del marchio tedesco, l'Astra. Anche per lei la denominazione è TwinTop che, dopo la 5 porte, la Station Wagon e la GTC, andrà a rappresentare la quarta variante di carrozzeria del modello.

Astra TwinTop sarà presentata al prossimo Salone di Francoforte e si anticipa "intelligente" non solo per la praticità offerta dal tetto rigido retrattile (in 30 secondi), ma anche per i 4 posti veri e per il bagagliaio a dir poco capiente, con 440 litri dichiarati (240 a tetto aperto). Il merito è della particolare cinematica che aziona il tetto, ripiegandolo in tre pezzi, e della funzione "Easy load" che consente di modificare la posizione del tetto già ripiegato nel bagagliaio, facilitando il caricamento.

Lo stile del corpo vettura ricalca quello delle Astra chiuse e mira a preservare una linea dinamica piuttosto che a conferire al modello una personalità distinta e magari sportiva. Il risultato è elegante e tutto sommato proporzionato, qualità estetica non facile per le cabrio-coupé, specie se cosi' lunghe (l'Astra sfiora i 4,5 metri). Va precisato che a dispetto della parentela stilistica, la versione TwinTop è inedita per il 70% delle componenti della carrozzeria e questo fa intuire quanti piccoli dettagli bisogna comunque adeguare per "fare una bella linea".

A livello di motorizzazioni, l'offerta sarà piuttosto ricca e comprenderà 4 unità a benzina, con potenze da 105 a 200 cavalli, e un potente turbodiesel Common Rail 1.9 CDTI da 150 cavalli con filtro anti articolato montato di serie. Le altri caratteristiche tecniche sono riprese dall'attuale gamma Astra e quindi non mancherà l'ormai noto telaio adattabile IDSPlus con taratura continua degli ammortizzatori, la modalità di guida sportiva e i fari allo bi-xenon adattativi.

Fotogallery: Opel Astra TwinTop