Mercedes F600 Hygenius

F600 Hygenius, questa la sigla caratterizzante l'ultima proposta di Mercedes-Benz esposta al Salone di Tokyo. Obiettivo? Emissioni zero e grande comodità. Una piattaforma di ricerca eccezionale per dare una forma a concetti tecnici che entro pochi anni saranno certezze sulle strade di tutto il mondo.

Il Dott. Thomas Weber, membro dello staff di ricerca e tecnologia di DaimlerChrysler AG, afferma che "questo rappresenta un importante passo avanti verso la completa maturità nella produzione, obiettivo che con le celle a combustibile miriamo a realizzare fra 2012 e il 2015".
Il motore elettrico è alimentato infatti da fuel cell, oltre che da "normali" batterie agli ioni di litio, ed eroga 82 cv e 250 Nm di coppia con il funzionamento delle sole celle a combustibile, che diventano 115 cv per 350 Nm di coppia quando si impiega anche le batterie. Il tutto consumando appena 2,9 litri di combustibile per 100 km.

Ricordiamo che la tecnologia fuel-cell sfrutta la reazione chimica fra idrogeno ed ossigeno per generare direttamente corrente elettrica, un processo che non produce inquinanti emettendo solo vapore acqueo. Il professor Herbert Kohler, capo progetto della vettura, è assai orgoglioso dei risultati fin qui raggiunti, come ad esempio l'aver diminuito le dimensioni delle celle del 40% e, allo stesso tempo, aver incrementato notevolmente il rendimento generale, e quindi le prestazioni, rispetto ai precedenti progetti.

Le celle a combustibile ed il motore elettrico di Mercedes-Benz F600 Hygenius funzionano autonomamente a seconda della condizione di marcia in cui la vettura si trova. Quando si parcheggia o si fa manovra, per esempio, viene impiegato la sola energia delle batterie. Sono invece sfruttate entrambe le fonti quando il veicolo è in accelerazione o comunque viene richiesta molta potenza. Parte dell'energia spesa dal motore elettrico viene poi da questo stesso - che può quindi funzionare anche da generatore - ricaricando le batteria durante le frenate o le discese.

I benefici di una così evoluta tecnologia propulsiva non si limitano soltanto alla dinamica di marcia, ma risultano essere tangibili anche per i passeggeri di Hygenius. Per esempio, il solo fatto di aver a disposizione una grossa riserva di energia, consente di avere a disposizione varie comodità come il vano porta bevande perennemente climatizzato.Inoltre non si verificheranno mai cali o alterazioni di tensione all'interno del circuito elettrico della vettura, anche quando vengono impiegati contemporaneamente più dispositivi di bordo.

Altro punto di forza interessante di questo veicolo è l'abitabilità in rapporto alle dimensioni esterne. Nonostante infatti una lunghezza contenuta a 4348 millimetri, la distanza fra i sedili anteriori e posteriori misura 945 millimetri e può estendersi ulteriormente di 400 millimetri grazie alla modularità dei sedili.
Infine si segnalano alcune soluzioni di ausilio alla visibilità: mediante microcamere installate negli specchietti retrovisori e negli angoli della vettura, il conducente sarà sempre al corrente di chi o cosa lo circonda, in marcia come a vettura ferma.

Fotogallery: Mercedes F600 Hygenius