Torniamo a parlare di SEMA e, parallelamente a questo, torniamo a parlare di Volvo. Volvo estreme ovviamente.

Al Salone delle elaborazioni e pezzi speciali di Las Vegas, che potrebbe essere presentato come il lontano lontano cugino del nostro giovane "My Special Car" riminese, tutto diventa extra ordinario. Oltreoceano infatti le esagerazioni di ogni genere piacciono, estetiche, tecnologiche o meccaniche che siano, anzi, meglio se sono tutte insieme e sullo stesso mezzo.

Fulcro dell'attenzione allo stand Volvo di quest'anno è una pompatissima e appariscente XC70 chiamata All Terrain, ben vestita fuori e ipervitaminizzata sotto il cofano, come largamente consigliano i canoni del mercato USA.

Tutto ebbe inizio dal già vigoroso 2.5 litri turbo della V70R, ma visto che "il non basta mai" è qui di casa, solo 300 cv non potevano bastare. Grazie all'adozione di una turbina Garrett GT2835R, ad una rimappatura della centralina e all'utilizzo di nuovi scarichi (capaci anche di un sound da paura...dicono), questa XC70 eroga ora 408 cv a 6.200 giri, scaricati a terra dalla collaudata trazione integrale permanente già conosciuta su modelli AWD e XC.

Oltre al sistema di trazione Haldex già adottato dalla XC90 V8, questa All Terrain eredita dal potente cugino suv anche il cambio automatico a sei rapporti, mentre invece per quel che concerne i freni le somiglianze sono assai minime. SEMA XC70 adotta infatti un sistema Brembo con dischi da ben 13" e pompanti a 4 pistoncini. Ovviamente se già i semplici dischi-freno sono da 13", i cerchi saranno proporzionali all'importanza, ovvero da 20" e calzanti pneumatici adeguati con misura 285/50.

Analizzando solo i dati numerici della questione, verrebbe da pensare che più di una All Terrain si tratta di una GT "mordicordolo". A dire il vero in questa ottica, una riposta chiarificatrice e univoca proprio non c'è.
Si perché, a quanto pare, questa speciale XC70 si dovrebbe trovare a suo agio sia su strada che in off-road, anche se il vistoso look adventure ideato giust'appunto per l'evento farebbe pensare più a fango e ghiaia invece che ad abrasivo cemento. Soluzione azzeccata per ogni condizione è comunque il sistema di controllo sospensioni attive Four-C, il quale da la possibilità al guidatore di selezionare l'assetto desiderato durante la marcia, mediante la modalità confort oppure sport.

All Terrain è complessivamente alta circa 8 pollici in più di una XC70 standard, 4 pollici più 4 ulteriori pollici che sospensioni ad aria aggiuntive riescono a garantire in altezza.

Fotogallery: Volvo XC70 All Terrain