Otto Gallardo a spasso nella Capitale!

Guidare una Lamborghini anche solo per un giorno è il sogno di tutti. Poterlo fare nelle strade della "Città Eterna" è un emozione unica, anche per chi di auto è abituato a vederne e guidarne tante. Immaginate otto supersportive di Sant'Agata Bolognese in parata; l'intera gamma Gallardo al completo, dalla Coupé alla recentissima Superleggera, sotto il sole (e il caldo) di una giornata praticamente estiva. Il suono cupo e vibrante di otto V10 - ciascuno da oltre 500 cavalli di potenza - irradiato sulle strade del centro storico, che arriva a coprire il rumore del traffico e che attira l'attenzione di automobilisti, passanti, turisti, commercianti. Tutti cercano di capire cosa sta succedendo e seguono con uno sguardo incantato il passaggio dei coloratissimi bolidi emiliani...

Ed è un bagno di folla quando ci si ferma davanti ai monumenti più importanti. In Piazza San Pietro il traffico impazzisce letteralmente per dieci minuti. I turisti, ma anche i fedeli, si accalcano intorno alle auto ed è un impresa creare lo spazio per scattare la "foto ricordo" davanti alla principale Basilica romana.
Stessa storia davanti al Colosseo, dove l'arrivo delle Gallardo crea scompiglio fra i gruppi di turisti con le rispettive guide costrette ad interrompere la descrizione dei monumenti per improvvisare spiegazioni sull'arrivo delle otto supercar: "allontaniamoci, evidentemente stanno girando un film!" o ancora "Vedete, a Roma ogni giorno succede qualcosa; oggi ci sono le Lamborghini al Colosseo".
A Piazza del Popolo invece un gruppo di giovani americani è arrivato a chiederci un autografo pregandoci di poter sedere al posto guida. Purtroppo non c'è stato il tempo: bisognava ripartire alla volta del Pincio per arrivare alla Casina Valadier.

I momenti più belli di questa giornata sono stati immortalati in una serie di scatti fotografici che vi proponiamo nella galleria fotografica.

Il Lamborghini Roadshow fa tappa a Roma

Foto di: Alessandro Lago