Come la 500, si fa in Messico anche la compatta "europea" di Ford

Con lo sbarco della Ford Fiesta oltreoceano ha riaperto i battenti lo stabilimento messicano di Cuautitlán, che in precedenza assemblava autocarri ed è stato riconvertito per le autovetture destinate ai mercati statunitense, canadese e messicano. Alla riapertura di Cuatitlán ha presenziato il Presidente del Messico Felipe Calderón Hinojosa e il Governatore dello stato del Messico Enrique Peña Nieto.

L'impianto sudamericano, rinnovato a partire dal 2008 con un investimento di 3 miliardi di dollari, fa parte degli impianti di Ford Messico, che comprendono anche lo stabilimento di motori diesel a Chihuahua e un nuovo stabilimento dedicato alle trasmissioni a Guanajuato in joint venture con Getrag che produrrà il nuovo cambio automatico per la Fiesta, che in Nord America avrà anche una versione berlina a quattro porte. Il rilancio di Cuatitlán ha permesso di creare 2.000 nuovi posti di lavoro diretti e almeno 6.000 nell'indotto.

Ford Fiesta: via alla produzione in Messico

Foto di: Daniele Pizzo