Prove stilistiche di futuro per la reginetta delle utilitarie

Ha il muso allungato e linee morbide, decisamente più piene e tonde rispetto al modello attuale. Il frontale riprende alcuni elementi della Fiat 500 mentre la parte posteriore conserva gli elementi stilistici grazie al portellone alto che cade a filo.

I modelli 3D che vi mostriamo sono opera di un lettore di OmniAuto.it che di professione fa il designer industriale, ma nutre una grande passione per i motori. Dice di essersi ispirato al nuovo stile della Casa di Torino combinando tratti somatici della 500 a quelli della Punto e anche della Bravo.

Grazie a questa combinazione di proporzioni, lo spazio a bordo aumenterebbe di parecchio rispetto alla Panda attuale. Certo, per ora si tratta solo di ipotesi, ma sono sufficienti a ispirare un quadro di sviluppo dell'utilitaria più venduta sul mercato italiano. Tra l'altro le dimensioni crescerebbero di dieci centimetri: 363 cm contro i 353 attuali, così come la larghezza (165 rispetto ai 157 cm), mentre l'altezza rimane pressoché invariata.

Più facile prevedere l'evoluzione meccanica: sotto la carrozzeria della nuova Panda dovrebbe battere un cuore propulsivo, il bilicilindrico 900 SGE Multiair presentato al salone di Francoforte sulla concept Aria.

La vedremo nel 2010.

Fotogallery: Sarà così la nuova Fiat Panda?