Tramite la provincia lombarda l'Italia entra nel progetto europeo "Save Our Lives"

Brescia si è schierata in prima linea nella lotta all'incidentalità stradale. La città lombarda ha ospitato la prima tappa italiana del progetto europeo "Sol - Save Our Lives. A Comprehensive Road Safety Strategy for Central Europe" (www.sol-project.eu), che - cofinanziato dal Programma Central Europe - è stato promosso da dodici comunità in otto Paesi dell'Unione - Germania, Italia, Austria, Slovenia, Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria - con l'obiettivo di rafforzare le proprie strategie per la sicurezza stradale e la mobilità sostenibile.

Al tavolo di lavoro ha partecipato anche la Regione Lombardia, con alcuni enti locali e associazioni di categoria operanti nella provincia e ad esso ne seguiranno altri per discutere di sicurezza per l'autotrasporto, trasporto pubblico, dei bambini in auto e dell'abuso di alcol e droga alla guida. Il progetto è sviluppato e coordinato da ALOT S.c.a.r.l., Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica, una società controllata dalle Province di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova, e sarà attuato tramite la valutazione di strategie specifiche. Tra i primi obiettivi c'è infatti quello di sensibilizzare l'opinione pubblica e politica tramite un linguaggio efficace e linee guida che possano portare alla messa a punto di piani d'azione mirati per migliorare la sicurezza stradale.