Una bella scoperta "made in Japan"

Le è bastata una "C" nel nome per perdere la testa. E ci vogliono 20 secondi per scoprirla del tutto. Stiamo parlando della nuova versione coupé-cabriolet della Lexus IS che fa il suo debutto in anteprima mondiale al Salone di Parigi. Una novità annunciata da tempo e che va a completare la gamma della bella berlina nipponica, puntando a conquistare, neanche a dirlo, quella nicchia di clientela in cerca di una cabriolet di prestigio alternativa alle "solite tedesche" (leggi BMW Serie 3 cabriolet).

Dalla sua la nuova Lexus IS 250 C ha una linea molto filante ed equilibrata, due qualità, queste ultime, non scontate quando si parla di coupé-cabriolet sopra i 4 metri di lunghezza. Il merito è del tetto (in alluminio) che quando si apre si ripiega in tre parti, proprio come la BMW Serie 3. Le dimensioni compatte del sistema di apertura hanno consentito di garantire uno spazio più che soddisfacente per i passeggeri posteriori rendendo l'auto una vera 2+2. Notevole è l'accuratezza progettuale riposta nell'ottimizzare l'aerodinamica di questa versione che, ad hard top chiuso, vanta un CX di 0,29 vicinissimo all'eccellente 0,27 della berlina. Ed è ai massimi livelli anche la sicurezza grazie all'irrigidimento della scocca (Lexus aspira alle 5 stelle EuroNCAP), funzionale peraltro a garantire un buon comportamento dinamico dell'auto.

La IS 250 C è spinta da un moderno 2.2 V6 benzina da 208 cavalli, accoppiato ad un cambio automatico a 6 rapporti. Non è però da escludere, in un secondo momento, l'impiego dell'ottima unità a gasolio 2.2 da 177 cavalli.

Il lancio commerciale è previsto per l'estate del prossimo anno.