Dalla Francia la replicante Shooting Brake della Porsche 356

Quale sarebbe il giudizio degli appassionati puristi e del mercato se Porsche decidesse di competere con la MINI by BMW o con la Fiat 500 lanciando una interpretazione modernissima della sua gloriosa 356? Una risposta a questo scenario da qualche anno la fornisce PGO, costruttore francese che sta riscuotendo una certa fama grazie a un'idea davvero sfiziosa. PGO ha reinventato la Porsche 356: prima con la Cevennes, poi con la Speedster II ha ricreato (ovviamente siamo comunque nel campo dell'apocrifo) la piccola roadster due posti con motore posteriore a sbalzo (di derivazione Peugeot) e capote in tela rigorosamente manuale per cercare di dare un completo gusto retrò a chi sognasse una 356 moderna.

L'ultima interpretazione di questo concetto è stata recentemente presentata al Salone di Parigi. Si chiama Hemera e riprende le linee della coupé di Stoccarda anche se il progetto è andato oltre e la fantasia dei progettisti si è lasciata andare verso nuove creazioni stilistiche. Se, infatti, frontalmente l'auto ricalca in toto le forme del modello che ha fatto la fortuna della Casa di Stoccarda, posteriormente i designer hanno osato molto e hanno prodotto una tipica livrea da coupé station wagon (o Shooting Brake) dotata di padiglione molto pronunciato e ampio portellone per accesso al bagagliaio.

La PGO Hemera è equipaggiata con un 4 cilindri Peugeot di 2 litri di cilindrata, alloggiato in posizione posteriore ma al centro del passo e accoppiato a un cambio manuale a 5 marce. Il telaio consiste in una struttura tubolare, attorno al quale sono saldati i pannelli della carrozzeria, realizzati in compositi. Il peso complessivo della vettura è molto contenuto: il costruttore dichiara appena 980 chili. La Hemera scatta da 0 a 100 in meno di 7 secondi e supera i 200 km/h.

PGO Hemera