La Casa milanese rinuncia alla serie iridata e punta su Formula 1 e IRC

Pirelli si ritira definitivamente dal Mondiale Rally: il gommista milanese non ha presentato la documentazione alla FIA per aderire alla lista di fornitori del WRC a partire dalla stagione 2011. Pare che la Casa milanese abbia presentato alla Federazione una proposta di rinnovo triennale, che però è stato respinta. La FIA ha poi provato a rilanciare offrendo un anno di contratto alle vecchie condizioni ed uno basato sulla nuova proposta, ma a questo punto è stata la Pirelli a rifiutare.

Il distacco dal WRC non fermerà comunque l'attività della Pirelli nei rally. Anzi, Paul Hembery, direttore del motorsport, ha già rivelato che c'è grande interesse per l'Intercontinental Rally Challenge e che i programmi nelle serie nazionali andranno avanti regolarmente. Via Pirelli, si è prontamente fatta avanti Michelin, che si era ritirata dal WRC al termine della stagione 2005, continuando comunque per altre due stagioni sotto il marchio BF Goodrich, prima di cedere il passo alla Pirelli che nelle ultime due stagioni ha operato in regime di monofornitura.

Il disimpegno dalla serie iridata permetterà a Pirelli di concentrarsi sullo sviluppo delle gomme per la Formula 1. Dopo aver completato i primi test al Mugello in agosto con il neo tester Nick Heidfeld sulla Toyota TF109, il reparto dedicato alle nuove gomme da pista ha provato gli ultimi prototipi al Paul Ricard, dove era presente anche Giorgio Pantano, nominato tester Pirelli per quanto riguarda le gomme da GP2 che verranno impiegate dal prossimo anno.

Nasce il Team "Formula Uno" di Pirelli

Foto di: Daniele Pizzo