I dati parlano di una crescita costante, e se i distributori continueranno a diffondersi potrebbe diventare “normale” viaggiare a gas

Il 2013, per molti versi, è stato l’anno delle auto ibride. Ma il trend di crescita fatto registrare dalle vendite di auto a metano fa pensare che il 2014 sia l’anno buono per le macchine a gas: l’Osservatorio Federmetano, infatti, fa sapere come l’anno scorso siano stati 93.534 i veicoli immatricolati in Italia con questo tipo di alimentazione, contro gli 80.452 del 2012 (pari a un incremento del 16,3%). I dati fotografano anche la situazione regione per regione, che vede il Piemonte davanti a tutte con l’88% in più nelle vendite, con al secondo posto il Lazio (+72,8%) e a seguire la Basilicata (+43,6%), la Puglia (+37,1%) e la Campania (+24,6%). La diffusione dei distributori (anche self-service) sul territorio, d’altronde, sta pian piano interessando anche il sud d’Italia, mentre la Sardegna resta ancora non collegata alla rete di fornitura di metano. Le regioni in controtendenza, invece, sono la Valle d’Aosta (-60,0%), il Trentino (-27,3%), il Friuli (-20,0%), la Liguria (-5,6%) e la Toscana
(-3,9%).

Secondo Dante Natali - numero uno di Federmetano e dell’Osservatorio Metanauto -, le ragioni più importanti del gradimento crescente degli italiani per le auto a metano sono “la convenienza economica rispetto alla benzina e al gasolio, i “bassi costi di gestione” e il fatto che il gas naturale sia un “carburante a basso impatto ambientale che consente alle vetture di entrare nei centri storici delle città evitando i normali blocchi del traffico grazie alle emissioni limitate". Ma bisogna ricordare anche che l’offerta di modelli sul mercato è sempre più ampia, e questo significa che per viaggiare a gas non bisogna più per forza accontentarsi di motorizzazioni con prestazioni scarse o di allestimenti semplificati nelle dotazioni. Fra le preferite dai clienti ci sono le piccole citycar da poco più di 3 euro ogni 100 km, come la Fiat Panda Natural Power o la Skoda Citigo , e le medie con propulsori turbo come la Seat Leon TGI - che nel nostro test ha percorso in media 100 km con 5 euro - o la Volkswagen Golf TGI BlueMotion, disponibile anche con un cambio automatico doppia-frizione. Per chi vuole una vettura premium, il gruppo Volkswagen offre l’Audi A3 Sportback g-tron, ma non mancano promozioni e offerte per chi bada di più al sodo. Insomma, il metano conviene a un numero sempre maggiore di automobilisti, e anche le aziende iniziano ad orientarsi verso questo tipo di carburante nella scelta delle proprie flotte.

Auto a metano, sempre più italiani le comprano

Foto di: Giuliano Daniele